domenica, 7 Marzo, 2021
Economia

Bar, ristoranti e lidi balneari, la Cna punta i piedi: con le norme Inail impossibile riapertura. La Confederazione: pochi introiti e spese trovare elevate, così molti locali chiuderanno

“Non ci sarà apertura per gli stabilimenti balneari e le attività di ristorazione e bar se il Governo adotterà i criteri individuati dall’Istituto superiore di sanità (Inail) per il contenimento del Covid-19”. Levata di scudi della Confederazione nazionale artigiani (Cna) che giudica improponibili le misure anti contagio poste dal Governo per la riapertura dei lidi balneari, bar e ristoranti.

“Si tratta di condizioni insostenibili e molto più restrittive rispetto a qualsiasi altro ambito della vita sociale”, posizione che la CNA ha sottolineato nel corso dell’incontro tenuto con i ministri della Salute Roberto Speranza, dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e del Lavoro Nunzia Catalfo.

“Le condizioni indicate nei due documenti rendono impossibile persino la copertura dei costi fissi”, sottolinea la Cna, “La distanza minima tra le file di ombrelloni di 5 metri e di 4,5 metri tra due della stessa fila è insostenibile. È necessario affidare ai gestori degli stabilimenti libertà operativa per la migliore organizzazione con misure differenziate sulla base del contesto in cui operano”.

Per la parte ristorazione, forse va anche peggio, e la Cna ricorda che la maggiore criticità riguarda il distanziamento: “prevedere uno spazio di 4 metri quadrati per ciascun cliente, con una distanza fra i tavoli non inferiore ai 2 metri, significa condannare senz’appello l’intera categoria”. Se non sarà possibile coniugare direttive Inail con sicurezza e riapertura e con i ricavi delle imprese che andrebbero in perdita, per la Confederazione si aprirà uno scenario che vedrà in gravi difficoltà la quasi totalità delle imprese della ristorazione. “Tali condizioni causeranno la chiusura della stragrande maggioranza delle attività”, osserva la Cna, “e in particolare della quasi totalità delle gastronomie artigiane, con gravissime ripercussioni sull’occupazione e una ricaduta tragica su tutta la catena agroalimentare italiana.

CNA ribadisce l’assoluta esigenza di tutelare la salute dei cittadini e di garantire la ripresa delle attività economiche già fortemente provate dal periodo di blocco”. La Confederazione, è stato ricordato durante l’incontro, si è immediatamente mobilitata mettendo in campo ogni risorsa per assicurare le migliori condizioni di sicurezza per imprenditori, lavoratori e clienti. “Per questo sarebbe stato auspicabile un confronto sistematico con gli organismi tecnici e la politica per l’elaborazione di Linee guida che devono tener conto delle peculiarità del sistema delle imprese”, rivela la Cna. Ma c’è ancora possibilità di riaprire un dialogo tra governo e associazioni di categorie, che come auspica la Cna deve essere improntato al “buon senso”. “È indispensabile”, sostiene la Confederazione degli artigiani, “in vista degli imminenti provvedimenti per la riapertura, che il confronto tra Governo e parti sociali sia improntato al buon senso, conciliando le raccomandazioni tecnico-scientifiche con le caratteristiche delle imprese e la necessaria tenuta del sistema economico”.

Sponsor

Articoli correlati

Un virus balneare

Antonio Domani

Codacons: aumento di prezzi, stangata di 536 euro per le famiglie. Bar e negozi riaprono ma salgono i prezzi per sanificazione e blocco forzato

Angelica Bianco

Coronavirus; oltre il dramma, tempo e spazio per migliorarsi e migliorare. Intervista a Maria Luigia Di Blasio, Direttore Generale del Consorzio SGS – Servizi Globali Sociosanitari

Angelica Bianco

Lascia un commento