sabato, 4 Luglio, 2020
Economia

Pubblico e Privato “congiunti” da affetto stabile

Sponsor

È giunto il momento nel quale il “partenariato pubblico-privati” deve prendere quel ruolo fondamentale che può avere nella nostra economia. Abbiamo già troppo sofferto di pregiudizi. Per la Pubblica Amministrazione l’imprenditore privato, per principio, si deve necessariamente approfittare del Pubblico. Non è così.

È vero che alcuni privati si sono approfittati del Pubblico come è vero che molti “Pubblici” si sono approfittati e fatti finanziare dal privato, ma questo comportamento non è la regola. Non possiamo rifiutare un modello di sviluppo sociale nel quale il privato è completamente isolato dalle decisioni del Pubblico.

Senza il supporto del Privato la Pubblica Amministrazione perde quasi completamente di vista la realtà che vive la società che gli sta intorno. 

Ci stiamo accorgendo ora, pienamente, del grido dei privati inascoltati che urlano al Governo e agli scienziati che senza un Piano vero e una visione credibile nessuno ne uscirà vivo. Il nostro tessuto economico è una trama fitta e sistemica nella quale ogni filo è collegato all’altro, e se si inizia a spezzare qualche filo, presto il tessuto si lacererà irreparabilmente.

Si vedono ogni giorno commercianti che con le lacrime agli occhi gridano la loro disperazione; vedono andare in fumo i sacrifici di una vita di lavoro, nella quale non ci sono state quasi per niente feste e ricorrenze. Una vita passata a pensare di come fare a pagare le tasse al loro socio cosiddetto di maggioranza: lo Stato. Sono esauriti i commercianti onesti. Molto esauriti. I piccoli commercianti sono quel tessuto nazionale che se viene meno, tutta l’Italia affonda nell’abisso dei bei mari che la circondano. 

Il Governo deve sentire quelle grida e cercare di capire. I comitati devono essere integrati con i rappresentanti delle categorie sociali ed economiche. Non vogliamo più vedere pianti per vite distrutte più dalla crisi economica che dal covid19.

Conte non deve pensare di avere tutta la responsabilità della situazione, non ha nessuna responsabilità perché nessuno gliel’ha data; deve semplicemente ascoltare cittadini e gli imprenditori. Senza quei Privati l’Italia non sarebbe diventata quella era.

Articoli correlati

Agenda del dopo-virus: EFFICIENZA, EFFICIENZA, EFFICIENZA

Giuseppe Mazzei

Mafie rurali e guardie campestri in Puglia

Carmine Alboretti

Giù le mani dai magistrati di sorveglianza

Carmine Alboretti

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni