domenica, 28 Novembre, 2021
Società

I risparmi dei bimbi ai medici anti-covid

Con gli incassi dei mercatini di Natale avrebbero dovuto realizzare una grande festa alla fine dell’anno scolastico, una di quelle in cui si mangiano tanti dolci, si gioca tutti insieme e ci si diverte. Invece è arrivata la pandemia da covid-19 che ha stravolto la loro vita quotidiana e anche la normale organizzazione delle lezioni. Ma gli alunni della II C della scuola primaria dell’Istituto comprensivo “Sancia d’Angiò – via Vesuvio” di un piccolo centro alle falde del Vesuvio (la vecchia seconda elementare, tanto per intenderci) non si sono persi d’animo e con il pieno appoggio dei rispettivi genitori e delle insegnanti Elsa, Lina, Rita, Annamaria e Lyubiza hanno pensato bene di devolvere il denaro raccolto (ben 150 euro) per una buona causa.

Hanno, infatti, effettuato un bonifico bancario online ad un conto corrente che è stato istituito per sostenere le numerose attività dell’ospedale “Giuseppe Cotugno” di Napoli, particolarmente impegnato nella lotta contro il nemico invisibile che ha cambiato le abitudini di tutti noi, costringendoci ad una vita da reclusi per spezzare la catena del contagio.

Non capita tutti i giorni di assistere a gesti del genere che mettono in luce lo spirito di solidarietà che sta emergendo a più riprese. “Quando abbiamo pensato di compiere questo gesto – afferma una delle mamme, visibilmente commossa – siamo stati entusiasti dell’atteggiamento dei nostri figli che si sono resi conto dell’importanza del lavoro svolto da medici, infermieri e operatorio socio – sanitari per l’assistenza in favore delle persone contagiate”.

A Trecase almeno fino ad ora, sono emersi tre casi di positività, regolarmente comunicati dal sindaco Raffaele De Luca, nella qualità di massima autorità comunale sanitaria e di protezione civile, attraverso i bollettini quotidiani realizzati dalla funzione di supporto Comunicazione e media del Centro Operativo Comunale.

Al momento una quarantina di persone vengono monitorate dagli agenti della polizia locale e dagli operatori della protezione civile di Trecase, in quanto si trovano in isolamento domestico fiduciario in esecuzione delle disposizioni dettate dalle ordinanze di sanità del Presidente della giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca. I bambini della II C non festeggeranno tutti insieme, come avevano inizialmente previsto la fine dell’anno scolastico, ma si sono idealmente scambiati il gomito, come si usa oggi, durante le lezioni a distanza fortemente volute dalla dirigente scolastica Agata Esposito per non interrompere l’attività didattica.

Sponsor

Articoli correlati

Acampora Confcommercio Lazio: fine lockdown, ripartire in sicurezza

Redazione

Coronavirus: on line la mappa dei contagi in Italia

Redazione

Bioterrorismo: incubo o realtà?

Enzo Cartellino

Lascia un commento