mercoledì, 5 Ottobre, 2022
Attualità

Basta parole. Occorre passare ad Azioni più drastiche & a Azioni innovative. Facciamo la “Piattaforma Italia”

Le persone non sono più abituate a vedere ristretta la loro libertà e seguitano a cercare di evadere “all’italiana” le norme poste dal Governo fino ad oggi. Gli italiani sono così. Vorrebbero anche seguire le norme ma se c’è una possibile scappatoia la adottano subito. Tutta la nostra storia repubblicana è piena di “fatta la legge trovato l’inganno”; e non basteranno sanzioni più severe, se resta anche solo una possibilità di poter uscire “eludendo” la norma, l’italiano la percorrerà. 

È semplicemente un problema di cultura; non abbiamo saputo diffondere e capire, ad esempio, che se le tasse le pagavano tutti, tutto sarebbe andato meglio. Ma le norme, da noi, prima passano dal filtro della possibilità di interpretarle. Giolitti diceva che “per i nemici le leggi si applicano, per gli amici si interpretano”. Il vizio è sempre lo stesso. 

Tutti i mass media seguitano a dire di stare a casa che “andrà tutto bene” ma siamo troppo abituati a gettare tutto alle spalle e che il “tutto andrà bene” lo diamo per scontato. Questa volta non è così: non si tratta del solito scandalo. Questa volta è una peste bubbonica incontenibile. Alcuni già dicono che ci saranno milioni di vittime ma anche questo non ci sconvolge più di tanto; stiamo vivendo questa situazione come in un reality e ci aspettiamo le eliminazioni. Alla fine vedremo chi è rimasto nella casa.

Le azioni che il governo tra domani e dopodomani tirerà fuori sono già scontate: chiusure ancora più stringenti, controlli e pene più severe. Basterà? Nessuno è in grado di dirlo. 

Le misure economiche prese si riveleranno poco più che un sussidio. Se le persone non lavoreranno per altri tre mesi, il sussidio finirà e presto serviranno altri soldi. Quello che occorre è un’idea innovativa di lavoro domestico. Occorre individuare un modo per creare valore anche stando semplicemente al personal computer di casa. Si potrebbe pensare anche ad una “Piattaforma Italia” di commercio e servizi on line.

Le fabbriche non devono chiudere! Devono riprendere a produrre; potrebbe essere indispensabile organizzare servizi navetta dell’Esercito per prendere e riportare i lavoratori che, all’interno, devono essere messi in assoluta sicurezza, ma non è così difficile. Anche i servizi ed il piccolo commercio potrebbero essere messi in Piattaforma Italia; certo non proprio tutti, ma una buona parte sì. Utilizziamo i droni, utilizziamo tutto quello che abbiamo scoperto in questi ultimi anno. Utilizziamolo. Serve anche un Comitato di scienziati dell’innovazione.

Stiamo mettendo in “discussione” questa cosa, se qualcuno, del Governo o del mondo dell’impresa vuole parlarne, siamo qui e ci mettiamo veramente in discussione.

Sponsor

Articoli correlati

Pensioni. Accordo più vicino. Uscite flessibili, età ridotte

Maurizio Piccinino

Una decisione pubblica connessa

Maurizio Merlo

Post-pandemia: fibrillazioni politiche e responsabilità istituzionali

Giampiero Catone

Lascia un commento