martedì, 5 Marzo, 2024
Lavoro

Rdc e nuove misure d’inclusione. Tavolo Lavoro-regioni

Si è tenuto un incontro tra il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Anpal, Anpal Servizi e le Regioni per parlare dell’attuazione delle nuove “Misure di Inclusione”. Nello specifico si è parlato della sospensione del reddito di cittadinanza, a partire dal primo agosto, per chi ha già fruito di sette mensilità e dei riflessi del nuovo impianto normativo del Dl 48/23 (convertito nella legge 85/23) contenente “Misure urgenti per l’inclusione sociale e l’accesso al mondo del lavoro”. La riunione, avvenuta in video call alla presenza del ministro Marina Calderone, è stata utile per condividere i prossimi step della riforma, già al centro di precedenti confronti, a cominciare dal nuovo strumento del Supporto alla Formazione e Lavoro che debutterà il primo settembre. In attesa del primo settembre, data di entrata in vigore del Supporto per la Formazione e il Lavoro, il ministero ha chiarito che i 159 mila nuclei con componenti in età da lavoro compresa fra i 18 e i 59 anni interessati dalla misura dovranno rivolgersi ai Centri per l’impiego.

Collaborazione con l’Inps

A tal proposito, diverse Regioni hanno evidenziato di aver già avviato una proficua collaborazione con le sedi territoriali dell’Inps. Per quanto riguarda, invece, 88 mila nuclei (aggiuntivi rispetto alla platea dei 159 mila) in condizione di fragilità, i servizi sociali hanno già avviato la fase della valutazione multidimensionale successiva alla presa in carico avvenuta sin dai primi giorni del mese di luglio. Successivamente, questa platea, dopo una fase transitoria nella quale continuerà a percepire il reddito di cittadinanza, transiterà nell’assegno di inclusione a partire da gennaio 2024.

La piattaforma Siisl

Il dicastero ha, inoltre, confermato alle Regioni che la piattaforma Siisl, strumento che servirà per la gestione del supporto per la formazione e il lavoro, sarà regolarmente attiva a partire dal primo settembre. Al fine di velocizzare il più possibile la presa in carico di tutti i potenziali beneficiari delle nuove misure, il Ministero del lavoro sta seguendo con attenzione il potenziamento della rete territoriale dei Centri per l’Impiego, obiettivo perfettamente in linea con i focus del PNRR del ministero del Lavoro. Nei prossimi giorni sarà convocato un ulteriore incontro.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Assunzione di 112 precari in Basilicata, Bardi “giornata storica”

Angelica Bianco

Governo. Confronto su precariato, salari e sicurezza. Sindacati: noi pronti

Maurizio Piccinino

Report G.I.D.P: giovani. Nei prossimi 6 mesi oltre l’80% delle aziende assumerà nuovi stagisti

Cristina Gambini

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.