domenica, 26 Maggio, 2024
Esteri

L’FSB riferisce a Putin sulla sorveglianza degli stranieri

Il Dipartimento delle operazioni di controspionaggio dell’FSB (DKRO), che ha partecipato all’arresto del giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich, riferisce personalmente al presidente russo Vladimir Putin sulla sorveglianza degli stranieri e lascia “biglietti da visita” nelle loro case sotto forma di mozziconi di sigaretta. Lo riporta il Wall Street Journal, i cui giornalisti hanno parlato con diplomatici di alto rango degli Stati Uniti e dell’Europa, nonché cittadini americani che sono stati imprigionati in Russia e giornalisti russi.

Secondo la pubblicazione, il DKRO sta monitorando i diplomatici americani. Allo stesso tempo, i funzionari dell’intelligence si assicurano specificamente che l’oggetto della sorveglianza sappia di essere monitorato. Lasciano un “biglietto da visita” – sotto forma di un mozzicone di sigaretta – nelle loro case. Gli interlocutori del WSJ hanno anche affermato che i diplomatici hanno trovato librerie spostate e gioielli mancanti. Inoltre, la pubblicazione riporta diversi casi in cui i dipendenti della DKRO hanno lasciato escrementi umani nelle case dei dipendenti dell’ambasciata, nonché nella valigia di un alto funzionario di Washington.

Il WSJ riferisce che i funzionari statunitensi sospettano il DKRO di interruzioni di corrente la notte dopo il primo evento ufficiale del nuovo ambasciatore degli Stati Uniti in Russia Lynn Tracy. È stato anche riferito che l’auto dell’ambasciata è stata inseguita da un elicottero a bassa quota. Secondo i giornalisti, la moglie di uno dei diplomatici è stata inseguita da un drone e sulla sua auto è stata incollata la lettera Z. Funzionari americani ritengono che dietro ci sia sempre il DKRO.

Secondo la testata statunitense, a Putin piace essere informato personalmente sulla sorveglianza dei giornalisti dei media occidentali. Al momento dell’arresto di Gershkovich, il presidente russo ha ricevuto informazioni dall’FSB. Oltre al giornalista del WSJ, DKRO è stato anche coinvolto nell’arresto degli ex marines americani Paul Whelan e Trevor Reed.

Secondo il Wall Street Journal, i diplomatici americani che si recano in Russia seguono una formazione speciale chiamata “Regole di Mosca”. Sono addestrati per evitare DKRO. Gli interlocutori del WSJ sostengono che una delle regole principali è che “non ci sono coincidenze”.

Il giornalista del WSJ Evan Gershkovich è stato arrestato il 29 marzo a Ekaterinburg, il giorno successivo un tribunale di Mosca lo ha inviato al centro di custodia cautelare di Lefortovo. L’FSB afferma che Gershkovich ha raccolto informazioni segrete su una delle aziende del comparto industriale militare, per incarico degli Stati Uniti. Il caso è classificato, i dettagli su di esso non sono riportati. Gershkovich si dichiara non colpevole.

Il Dipartimento di Stato americano ha riconosciuto il giornalista come “ingiustamente detenuto” dalla Russia. Questo status equivale a quello di un ostaggio e consente a Washington di utilizzare ulteriori meccanismi per chiederne la liberazione, in particolare per negoziare lo scambio di un cittadino americano.

Il 51enne Paul Whelan è stato condannato in Russia a 16 anni di carcere con l’accusa di spionaggio, e il 30enne Trevor Reed è stato condannato a nove anni di carcere con l’accusa di aver usato violenza contro agenti di polizia. Entrambi si dichiarano non colpevoli. I rappresentanti delle autorità russe hanno ripetutamente accennato alla possibilità di scambiarli con russi condannati negli Stati Uniti. Washington ritiene che in entrambi i casi le autorità russe non abbiano fornito prove convincenti della colpevolezza degli americani.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Kurt e le torsioni del sogno europeo

Federico Tedeschini

Altolà di Biden a Putin. La linea rossa e la linea russa

Giuseppe Mazzei

Fisco e magistratura sulla via di Damasco

Federico Tedeschini

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.