lunedì, 15 Aprile, 2024
Esteri

Le segrete minacce di Mosca e la risposta dell’Occidente

Gli analisti ritengono che gli attacchi alle infrastrutture critiche che si sono verificati in Europa portino il logo di fabbrica dell’intelligence russa.

I sospetti sono caduti sulla Russia per una serie di atti, che vanno dal sabotaggio allo spionaggio, avvenuti alla fine dello scorso anno.

L’8 ottobre i treni nel nord della Germania si erano fermati dopo che i cavi che consentivano ai macchinisti di comunicare erano stati sabotati. “È chiaro che si è trattato di un’azione mirata e dolosa”, aveva detto in conferenza stampa il ministro dei trasporti Volker Wissing, senza specificare chi potrebbe essere stato il responsabile di tale sabotaggio.

Due giorni dopo, l’isola danese di Bornholm è stata immersa nell’oscurità dopo che il cavo sottomarino che la riforniva di elettricità dalla Svezia è stato interrotto.

Il 19 ottobre, i cavi Internet sono stati interrotti nel sud della Francia in tre località contemporaneamente. La società di sicurezza cloud Zscaler ha affermato che i tagli dei cavi, che hanno interrotto le cosiddette “autostrade digitali” che collegano Marsiglia con Lione, Barcellona e Milano, hanno “influito sulla connettività verso Asia, Europa, Stati Uniti e potenzialmente altre parti del mondo”. Il fornitore di servizi Internet ha pubblicato gratuitamente fotografie di cavi dati recisi all’interno dei loro alloggiamenti di cemento sepolti. La Francia aveva subito un attacco simile ad aprile. Nello stesso mese, le autorità di sicurezza interna norvegesi hanno affermato che stavano indagando su casi sospetti di droni volati vicino ad aeroporti e infrastrutture energetiche e, a dicembre, la Lituania ha segnalato un aumento dei voli non autorizzati di droni su siti militari.

I sospetti per queste attività si concentrano sull’Unità 29155, un ramo dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe composto da agenti di intelligence sotto copertura che operano all’estero.

“Secondo tutti i resoconti disponibili, l’Unità 29155 esiste almeno dal 2009. Consiste in un piccolo numero di personale, forse circa 200, con ulteriori 20-40 agenti operativi”, ha affermato Joseph Fitsanakis, professore di studi di intelligence e sicurezza alla Coastal Carolina University.

Fitsanakis ha detto che l’unità originariamente era parte della rete di agenti sovietici che “a volte avevano il compito di sviluppare e mantenere piani di sabotaggio su larga scala, dietro le linee nemiche, che sarebbero diventati operativi durante una guerra convenzionale tra l’URSS e l’Occidente. Comprendevano atti di sabotaggio contro reti energetiche, servizi pubblici, porti civili o militari, sistemi di telecomunicazioni”.

I disertori russi interrogati hanno affermato che il presidente Vladimir Putin, lui stesso un ex agente del KGB, ha rianimato le reti di sabotaggio nei primi anni 2000, creando l’Unità 29155.

“Data la sua missione e il forte record delle sue attività nel periodo precedente alla guerra ucraina, non c’è dubbio che l’Unità 29155 sia oggi fortemente coinvolta nelle operazioni ibride russe”, ha affermato Fitsanakis. “Diversi casi di sabotaggio contro reti di servizi e trasporti occidentali in Polonia, Scandinavia, Francia e Germania portano i segni distintivi delle operazioni dell’Unità 29155”, ha affermato l’esperto statunitense.

Infatti, ha detto, “sarebbe assolutamente sorprendente se l’Unità 29155 non fosse stata attivata durante l’invasione russa della Crimea del 2014, così come nel periodo precedente alla guerra più recente”.

Un anno fa, il capo dello staff della difesa del Regno Unito, Tony Radakin, ha avvertito dell’intensificarsi dell’attività dei sottomarini russi vicino ai cavi dati.

Nel frattempo, Alexander Downer, ex ministro degli Esteri australiano, scrivendo su The Spectator in ottobre, ha affermato che il 95 percento del traffico Internet mondiale passa attraverso solo 200 sistemi di cavi in fibra ottica sottomarini. “Si stima che ci siano solo 10 punti di strozzatura globali in cui questi cavi convergono o arrivano a riva. Se volessi isolare la Gran Bretagna dal mondo, non sarebbe molto difficile sabotare questi punti di strozzatura”, ha scritto.

Nel 2020, la NATO ha istituito due nuovi comandi, a Ulf in Germania e Norfolk nel Regno Unito, per monitorare l’attività dei sottomarini nel Mare del Nord e nel Mar Baltico.

Lo scorso ottobre, la Francia ha dichiarato che stava acquistando una flotta di veicoli subacquei senza equipaggio per proteggere meglio i cavi sottomarini.

Il 22 novembre, la polizia svedese ha arrestato a Stoccolma due sospetti agenti dell’Unità 29155 Elena Kulkova e Sergey Skvortsov e li ha accusati di spionaggio. La coppia russa viveva in Svezia dal 1997 ed era sotto sorveglianza da anni.

Bellingcat ha scoperto che l’indirizzo registrato a Mosca di Skvortsov e Kulkova ospitava anche numerosi agenti dell’intelligence. Tra loro c’erano il generale Andrey Averyanov, capo dell’Unità 29155, e il maggiore generale Denis Sergeev, l’agente dell’Unità 29155 che si ritiene abbia ideato gli avvelenamenti dell’ex spia Sergei Skripal e di sua figlia nella città inglese di Salisbury. Skvortsov era il direttore esecutivo di una società di proprietà di un agente dell’intelligence militare reo confesso, Vladimir Kulemekov.

In Norvegia, nel frattempo, il primo ministro Jonas Gahr Støre ha affermato che sta innalzando lo stato di prontezza delle forze armate.

“Ci troviamo nella situazione più grave con la politica di sicurezza negli ultimi decenni… le crescenti tensioni significano che siamo più vulnerabili sia alle minacce che all’intelligence e all’influenza. Ciò richiede che tutti i paesi della NATO siano più vigili”, ha affermato in ottobre il primo ministro norvegese.

Ma alcuni osservatori sono scettici sulla capacità di un singolo Paese di salvaguardare interamente le infrastrutture civili.

Il fatto che sia stata attivata l’Unità 29155 costituisce l’ennesima conferma che la Russia si considera in guerra con l’Occidente. Ecco perché la risposta europea deve essere ferma e corale. Solo così si potrà contrastare questa insidiosa minaccia.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Cremlino: Russia e Alleanza atlantica quasi al confronto diretto

Maurizio Piccinino

Ucraina: Italia e Romania insieme per la stabilità e la sicurezza

Romeo De Angelis

La fine della multipolarità e il ruolo cruciale dell’India

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.