martedì, 21 Maggio, 2024
Attualità

Ue vuole ampliare ruolo di Frontex nei Balcani

È stato autorizzato dal Consiglio europeo l’avvio dei negoziati con Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Serbia per ampliare gli accordi di cooperazione con Frontex, finalizzato a gestire e contrastare i flussi migratori irregolari. “Le sfide migratorie nella rotta dei Balcani occidentali non iniziano alle frontiere della Ue. La cooperazione con i nostri partner, anche attraverso l’invio di personale Frontex, è essenziale per individuare e bloccare tempestivamente i movimenti migratori irregolari”, ha spiegato la presidenza del Consiglio europeo con la dichiarazione del suo ministro Vít Rakušan.   La Ue aveva già concluso accordi con l’Albania, il Montenegro e la Serbia nell’ambito del precedente mandato di Frontex, che però consentivano all’agenzia solo di condurre operazioni congiunte e di dispiegare squadre nelle Regioni di questi Paesi confinanti con la Ue. Anche un accordo con la Bosnia-Erzegovina era stato negoziato in termini simili, ma non era ancora stato firmato.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Pnrr, inviata alla Commissione Ue la richiesta per la prima rata

Redazione

Energia: Ue proroga le misure di emergenza

Francesco Gentile

La bussola della nuova difesa europea

Andrea Strippoli Lanternini

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.