domenica, 25 Febbraio, 2024
Lavoro

Occupazione: al via i corsi di formazione di Generation Italy

Generation Italy conferma il proprio impegno a supporto dell’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, per contribuire a ridurre il fenomeno del mismatch tra competenze e disoccupazione giovanile. La Fondazione no profit creata da McKinsey & Company propone percorsi di formazione gratuiti focalizzati sulle competenze più richieste dalle aziende, ma anche più difficilmente reperibili. I corsi, ideati in stretta collaborazione con le imprese che hanno scelto di sostenere il progetto, coprono tre aree professionali (vendite, digitale e manifatturiero) per un totale di otto profili: addetti alle vendite in ambito retail, operatori per la ristorazione e l’ospitalità, Operatore di Macchina a Controllo Numerico, Sviluppatori software Java, Net, CRM su tecnologie Salesforce, Cybersecurity e Data Engineering.

I corsi gratuiti sono erogati da remoto in videoconferenza live e non richiedono alcuna competenza pregressa nel settore, solo motivazione e impegno. Per partecipare è sufficiente superare un test online, disponibile sul sito della fondazione (www.Italy.generation.org), e un colloquio motivazionale con lo staff Generation, circa dieci giorni prima dell’inizio del corso selezionato. Al termine del percorso formativo, viene garantito ai partecipanti almeno un colloquio con aziende leader del settore, offrendo così una concreta opportunità di inserimento nel mondo del lavoro. Il progetto mira a offrire un contributo attivo nella gestione di uno dei paradossi più evidenti del mercato del lavoro: il mancato incontro tra domanda e offerta. Ogni anno le imprese faticano a individuare profili con le giuste competenze per circa 900.000 posizioni lavorative, a fronte di oltre un milione di giovani che attivamente cerca occupazione.

Questo paradosso è particolarmente significativo nel digitale, ambito in cui il nostro Paese sconta un ritardo anche a causa della scarsa diffusione di competenze specifiche (l’Italia si colloca infatti al 25° posto del Digital Economy and Society Index dell’Unione Europea per competenze digitali di base, su 27 Paesi considerati). Secondo Unioncamere-Excelsior, nel 2021 le aziende italiane non sono riuscite a individuare candidati con le competenze richieste per 40.000 posizioni sulle 111.000 disponibili in ambito digitale. Anche nel caso delle 71.000 posizioni coperte, il 50% delle persone assunte non è stato ritenuto sufficientemente competente. Dalla sua fondazione nel 2018, Generation Italy ha formato più di 3.500 giovani, con un tasso di occupazione al termine dei corsi pari all’84%, potendo contare su un network di aziende partner di primo piano.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Lavoro: l’occupazione femminile non decolla

Federico Tremarco

Povertà assoluta: nel 2020 un milione in più. Monsignor Pesce: gli over 50, i moderni lebbrosi del Vangelo

Cristina Calzecchi Onesti

Produttività e costo del lavoro i fattori per lo sviluppo del Mezzogiorno

Riccardo Pedrizzi*

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.