domenica, 11 Aprile, 2021
Società

Sea Watch, 40 organizzazioni scrivono a premier Conte

“Apprezziamo che nei giorni scorsi l’Italia abbia consentito lo sbarco di bambini, donne incinte e altre persone vulnerabili.

Resta tuttavia di urgenza inderogabile che tutte le persone a bordo, in particolare i minorenni e le altre persone vulnerabili, possano toccare terra in un porto sicuro nel minor tempo possibile e che alle valutazioni politiche venga anteposta la tutela della vita e dell’incolumità degli esseri umani”.

Questo il messaggio contenuto nella lettera inviata al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte da oltre 40 associazioni e organizzazioni impegnate per la tutela dei diritti dei minorenni e di rifugiati e migranti, in riferimento alle 42 persone a bordo della nave Sea Watch, giunta ormai al suo 12° giorno nel Mediterraneo.

Ricordando le parole pronunciate dal Presidente della Repubblica in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, i 40 firmatari chiedono che “l’Italia adempia ai suoi doveri di solidarietà, assistenza e accoglienza, così come previsto dalla Costituzione Italiana e dal diritto internazionale”.

Sponsor

Articoli correlati

Viminale, sbarchi -81% anche grazie a droni

Redazione

L’Europa rafforza il Governo

Giuseppe Mazzei

Di Maio: “Sbarchi dalla Tunisia diminuiti ma non abbassare la guardia”

Redazione

Lascia un commento