martedì, 9 Agosto, 2022
Attualità

La politica riconquisti credibilità per convincere chi non vota e gli indecisi

Da tempo i cittadini sono delusi dai partiti nel loro complesso e dai libri dei sogni con cui viene carpito il loro consenso.

Nelle elezioni del 2013 e soprattutto in quelle del 2018 la delusione e il gran rifiuto della politica tradizionale si è tradotto in una forte avanzata delle forze populiste e demogogiche. Ne sono scaturite due legislature piuttosto convulse  durante le quali i partiti hanno continuato a dividersi al loro interno, poco o nulla è stato realizzato di quello che era stato promesso dai vincitori e il solco tra governanti e governati si è approfondito.

L’offerta politica non è stata all’altezza delle esigenze dei cittadini che confusi, disorientati e disillusi disertano le urne. Per ridare fiducia ai cittadini servono alleanze chiare e non continui cambiamenti di casacca e di maggioranze. Ma servono soprattutto poche proposte chiare su cui i partiti e le coalizioni devono presentarsi agli elettori. Chi fa proposte indichi anche con precisione i costi per realizzarle, dove  andranno reperite le risorse necessarie e i tempi di attuazione. Oppure taccia.

I sondaggi sulle intenzioni di voto, pur delineando una tendenza favorevole al centrodestra, non sono concordi nelle valutazioni sui singoli partiti e sulle ipotesi di coalizioni. E questo  avviene non certo per carenze tecniche delle società che svolgono queste analisi. Tutt’altro. E’ proprio perchè si tratta di ricerche condotte con rigore che emergono divergenze. Il motivo è che il 41% degli elettori non sa se andrà a votare ed è indeciso sul partito o coalizione da scegliere.

Condurre indagini di opinione in questo contesto può portare a risultati non omogenei. Ovviamente gli orientamenti elettorali diventeranno più definiti mano a mano che i partiti presenteranno le liste, i candidati, le coalizioni. Ma la parola finale dovrebbe spettare ai programmi.

E qui veniamo al vero nodo della campagna elettorale. Diciamo la verità da tempo i cittadini sono delusi dai partiti nel loro complesso e dai libri di sogni con cui viene carpito il loro consenso.

Nelle elezioni del 2013 e soprattutto in quelle del 2018 la delusione e il gran rifiuto della politica tradizionale si è tradotto in una forte avanzata delle forze populiste e demagogiche. Ne sono scaturite due legislature piuttosto convulse  durante le quali i partiti hanno continuato a dividersi al loro interno, poco o nulla è stato realizzato di quello che era stato promesso dai vincitori e il solco tra governanti e governati si è approfondito.

L’offerta politica non è stata all’altezza delle esigenze dei cittadini che confusi, disorientati e disillusi disertano le urne. E’ un fenomeno pericoloso per la democrazia che deve essere affrontato con serietà. La politica deve riconquistare dignità, credibilità e autorevolezza se vuole sconfiggere il partito del non-voto che sembra essere il primo partito in vista delle prossime elezioni.

Per ridare fiducia ai cittadini servono alleanze chiare e non continui cambiamenti di casacca e di maggioranze. Ma servono soprattutto poche proposte chiare su cui i partiti e le coalizioni devono presentarsi agli elettori.

La condizione essenziale perchè questo avvenga è che chi fa proposte indichi anche con precisione i costi per realizzarle, dove andranno reperite le risorse e i tempi di realizzazione. Solo così potrà essere chiaro l’impegno che in caso di vittoria dovrà essere rispettato. Pena una bocciatura di quella politica chiacchierona e bugiarda di cui la nostra pazienza è ormai satura.

 

Sponsor

Articoli correlati

Kurt e gli acronimi della giungla fiscale

Federico Tedeschini

Centrodestra accordo pieno. Conte ai ferri corti con Grillo. Sala tesse la tela nel centrosinistra

Giuseppe Mazzei

Pandemia, politica e ripresa: Verso un’estate di svolta?

Giampiero Catone

Lascia un commento