domenica, 3 Luglio, 2022
Esteri

Donbass di nuovo a centro del conflitto

In direzione di Zaporizhzhia i russi “stanno radunando gruppi di truppe per riprendere le operazioni offensive in direzione di Vasylivka – Kamyanske”, afferma lo Stato maggiore delle forze armate ucraine nel suo ultimo aggiornamento. In base al rapporto, l’esercito di Mosca starebbe esercitando “un fuoco intenso lungo l’intera linea di contatto e nelle profondità della difesa” delle truppe di Kiev nelle aree di Donetsk, Slobozhansky e Pivdennobuzhsky. “La più intensa attività nelle ostilità – aggiunge lo Stato maggiore ucraino – si osserva nel distretto operativo di Donetsk, in particolare vicino a Lysychansk e Sievierdonetsk”.

“Le prossime settimane di guerra saranno difficili e dobbiamo esserne consapevoli”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un messaggio video ai suoi connazionali. Per Zelensky “la situazione di combattimento più difficile” è nel Donbass “Bakhmut, Popasna, Severodonetsk: in questa direzione gli occupanti hanno concentrato finora la maggiore attività”, ha affermato. “Nessuno – ha aggiunto – ha distrutto il Donbass tanto quanto fa ora l’esercito russo. E sono grato a tutti i nostri guerrieri che mantengono le loro posizioni e hanno il coraggio di contrattaccare”. Il presidente ucraino è tornato sul tema dell’invio di armi da parte dei paesi partner: “Ogni volta che diciamo ai nostri partner che abbiamo bisogno di moderne armi antimissilistiche, moderni aerei da combattimento, non stiamo solo facendo una richiesta formale. Diciamo che la nostra richiesta – ha detto – è vita reale di tante persone che non sarebbero morte se avessimo ricevuto tutte le armi che chiediamo”.

Gli attacchi sono continuati a Severodonetsk, dove nei bombardamenti sarebbero morte quattro persone, secondo quanto riportato da Unian, che cita il capo dell’amministrazione militare regionale di Lugansk Sergey Gaidai. “La Russia – afferma l’intelligence britannica – ha aumentato l’intensità delle sue operazioni nel Donbass mentre cerca di circondare Severodonetsk, Lyschansk e Rubizhne”. Per Londra c’è stata “una forte resistenza ucraina”. “La Russia, tuttavia – si legge ancora nell’ultimo aggiornamento diffuso dalla Difesa del Regno Unito -, ha ottenuto alcuni successi localizzati, in parte dovuti alla concentrazione di unità di artiglieria”.

Inoltre, nel quadro presentato dall’intelligence britannica, una cattura di Severodonetsk da parte di Mosca “vedrebbe l’intera Oblast di Lugansk posta sotto l’occupazione russa”, anche se “questa operazione è solo una parte della campagna russa per impadronirsi del Donbass”. Intanto, però, si contano ancora vittime. Secondo l’ufficio del procuratore generale dell’Ucraina, dall’inizio del conflitto nel paese 234 bambini sono morti e almeno 433 sono rimasti feriti.

Sponsor

Articoli correlati

“Documento”: la periferia romana raccontata da Marco Iermanò

Alessandro Alongi

Umiliare la Russia? No! Ma neanche l’Ucraina

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento