venerdì, 1 Luglio, 2022
Società

Una civiltà dell’amore per il disarmo nucleare. Illusione o speranza?

Mentre da circa 3 mesi la guerra dovuta all’invasione russa dell’Ucraina semina morte, iniziative concrete per la pace  si moltiplicano. Particolarmente significativa è quella che avrà luogo Il 31 maggio a Bruxelles in International Trade Union House – Boulevard du Roi Albert II, 5.

Si svolgerà l’importante Convegno “Il Disarmo Nucleare: Opportunità di Pace e Lavoro per l’Europa e per il Mondo”

con una Diretta Streaming (www.avvenire.it)

L’evento è promosso dal Comitato per una Civiltà dell’Amore il cui Presidente è l’Ing. Giuseppe Rotunno, che è anche Membro del Comitato Scientifico della Fondazione Democrazia Cristiana/Fiorentino Sullo.

Il Comitato per una Civiltà dell’Amore, da numerosi anni  ha intrapreso iniziative di dibattito e confronto  culturale e politico con numerose Associazioni che, sulla base di un volontariato instancabile, sono impegnate in progetti per il disarmo nucleare, in programmi di servizio in numerosi paesi che versano in maggiore difficoltà di povertà, a causa delle guerre scatenata nei loro territori.

Abbiamo bisogno della Pace, prerequisito essenziale per ogni forma di possibile sviluppo futuro.

Putin, Presidente della Russia, ha fatto segnare un passo indietro di oltre 50 anni a tutta la vecchia Europa, che aveva invece innestato un processo di rinnovamento delle sue strutture e dei suoi modelli organizzativi all’insegna della solidarietà, pur tra le tante contraddizioni e criticità della società della globalizzazione che ora sarà costretta a modificare fortemente i percorsi fin qui seguiti.

Abbiamo bisogno di riuscire a convincere le grandi potenze nucleari di svuotare gli arsenali delle bombe atomiche e di destinare gratuitamente la loro energia  per lo sviluppo dei Paesi più poveri e mal nutriti del mondo

(www.nuclearforpeace.org)

Questo importantissimo e ambizioso  obiettivo per il Bene dell’umanità potrà essere alla portata per le più giovani generazioni: Zeta (nati dal 1995) e Alfa (nati dal 2010) senza distinzioni di culture, etnie, e religioni?

Il Comitato per una Civiltà dell’Amore sottolinea:

Noi cristiani con tutta la Società Civile dobbiamo impegnarci perché si imbocchi decisamente questa seconda strada, per evitare che la pace si basi sulla minaccia delle armi nucleari e di ritrovarci nuovamente davanti a questo bivio nel prossimo futuro”. 

Ecco perché Civiltà dell’Amore, ritiene che sia fondamentale che l’Unione Europea si faccia promotrice di una Conferenza di Pace con l’istituzione di un Tavolo permanente di Dialogo per il Disarmo, innanzitutto atomico, con la partecipazione piena dei Paesi in Via di Sviluppo, per prevenire l’escalation nucleare e indurre tutte le Nazioni al disarmo e alla conversione delle armi nucleari in progetti di Pace, riprendendo così il successo del Piano USA-Russia “Megatons to Megawatts” che ha convertito 20.000 atomiche in energia di Pace.

L’Europa, con la tragica guerra in Ucraina, a seguito dell’invasione delle forze armate della Russia di Putin, sta avviandosi verso un bivio decisivo per il suo futuro e per quello di tutta l’Umanità: un’insicurezza crescente fino all’apocalisse nucleare oppure un futuro di Pace e di Lavoro per tutti, possibilmente anche migliore di come abbiamo vissuto per oltre 70 anni.

Quindi anche a nome dei Membri Esperti, in 22 aree tematiche, del Comitato Scientifico della Fondazione Democrazia Cristiana/Fiorentino Sullo, auspico l’avvio positivo di una Conferenza aperta e continuativa di Pace per l’Umanità che riesca a realizzare un  costante dialogo diplomatico che faciliti l’attuazione del Trattato di Non Proliferazione Nucleare (in particolare dell’Articolo VI sull’impegno al disarmo nucleare) e del Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari.

La proposta che il Comitato per una Civiltà dell’Amore promuove si inserisce perfettamente nel quadro di un negoziato internazionale auspicato sia dai Leader delle cinque Potenze nucleari nel Joint Statement del 3 gennaio u.s., sia nella Risoluzione del Consiglio d’Europa del 15 novembre 2021.

Poiché la nostra Europa ha un’anima cristiana, quella dei suoi tre fondatori: Adenauer- De Gasperi- Schuman: libertà, uguaglianza e fraternità, vissuta in spirito interreligioso nel nostro mondo ormai globale, il Comitato per una Civiltà dell’Amore ha proposto Assisi, Città di Pace e di San Francesco, Patrono dell’Ecologia integrale, come la sede propizia che potrebbe ospitare e sostenere la Conferenza di Pace.

*Membro del Comitato per una Civiltà dell’Amore
Presidente Comitato Scientifico Fondazione Democrazia Cristiana/Fiorentino Sullo

Sponsor

Articoli correlati

L’Ucraina chiede altre armi per contrastare l’offensiva russa

Marco Santarelli

Mare eorum, il Mediterraneo tra Russia, Turchia e vie della seta

Giuseppe Mazzei

Ucraina, Figc posticipa di 5 minuti l’inizio delle gare

Romeo De Angelis

Lascia un commento