martedì, 28 Maggio, 2024
Esteri

Barbe finte e colbacchi all’Onu negli anni della Guerra Fredda

Subito dopo l’invasione russa dell’Ucraina, il governo degli Stati Uniti ha espulso 13 diplomatici russi che lavoravano alle Nazioni Unite. Lo ha fatto perché erano ufficiali dell’intelligence russa o agenti che lavoravano sotto copertura diplomatica. Non conosciamo i dettagli delle loro presunte attività, ma sappiamo qualcosa di certo: il Cremlino ha una lunga storia di utilizzo delle Nazioni Unite (ONU) per lo spionaggio.

Durante la guerra fredda, i servizi segreti sovietici penetrarono e sovvertirono le parti chiave delle Nazioni Unite. Occasionalmente queste operazioni furono di dominio pubblico quando i governi occidentali espulsero i diplomatici sovietici. Contrariamente a quanto si potrebbe supporre, tali espulsioni non erano solo esibizionismo.

Fin dai suoi primi giorni, il governo sovietico vedeva l’ONU come una piattaforma per trasmettere il suo messaggio esterno al mondo. Il governo sovietico era un membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che gli concedeva un diritto di veto, che utilizzava frequentemente.

Tra il 1945 e il 1983, il governo sovietico lanciò 115 veti, contro i 38 del governo statunitense e i 20 degli inglesi. Secondo i termini dell’accordo di Yalta raggiunto tra il governo sovietico e le potenze occidentali nel 1945, due delle repubbliche socialiste sovietiche, l’Ucraina e la Bielorussia (attuale Bielorussia), erano membri delle Nazioni Unite a pieno titolo. Questo diede effettivamente all’Unione Sovietica tre voti rispetto a quello del governo degli Stati Uniti.

Questi aspetti della diplomazia aperta dell’Unione Sovietica alle Nazioni Unite sono ben noti. Le sue attività clandestine  lo sono di meno. Sono rivelati in un file del ministero degli esteri britannico che è stato declassificato nel settembre 2021, intitolato “Servizio di intelligence russo che opera sotto la copertura delle Nazioni Unite”. Il file, spesso  ricoperto di arancione, timbrato “Secret”, contiene severe istruzioni per la sua manipolazione. La lettura di esso getta le espulsioni del governo degli Stati Uniti oggi in forte rilievo.

Il file rivela che negli anni ’70, i servizi segreti dell’Unione Sovietica, il KGB e il GRU, penetrarono a fondo le Nazioni Unite a New York e Ginevra. I loro ufficiali hanno usato la copertura diplomatica per lo spionaggio. Infatti, come risulta dal file, il KGB controllava le parti chiave della burocrazia delle Nazioni Unite. Ciò stava accadendo quando il governo sovietico stava presumibilmente godendo di un disgelo nelle relazioni della guerra fredda con l’Occidente, durante il periodo di distensione.

La rivelazione più sensazionale su penetrazione dei soviet dell’ONU successe nel 1978. Quell’anno, il suo sottosegretario generale, Arkady Shevchenko disertò . Fu  il funzionario sovietico più alto in grado a farlo. Shevchenko presto rivelò pubblicamente di essere un ufficiale del KGB.

Shevchenko era stato precedentemente reclutato dalla CIA, che lo convinse a continuare coraggiosamente ad operare come agente in loco presso le Nazioni Unite. Dopo la sua defezione e l’ampio de-briefing, rivelò al mondo che la presenza dei servizi segreti sovietici alle Nazioni Unite andò in profondità. Il regime sovietico barava quando si trattava di distensione.

Shevchenko rivelò che metà dei cittadini sovietici che lavoravano nel quartier generale delle Nazioni Unite a New York, e nel suo ufficio a Ginevra, erano ufficiali dell’intelligence o erano esplicitamente assegnati a compiti legati all’intelligence. Ottenendo posti nel Segretariato delle Nazioni Unite, il governo sovietico ottenne di fatto informazioni sui funzionari degli Stati membri che vi lavoravano. Il capo del personale dell’ONU a Ginevra, per esempio, era un ufficiale del KGB.

Il governo sovietico si assicurò anche virtualmente, in perpetuo, il posto di direttore della Divisione per il coordinamento delle politiche presso l’Ufficio dei servizi del personale a New York. Il quartier generale dell’intelligence sovietica (il Centro”) istruì i suoi ufficiali sotto copertura all’ONU che il loro successo sarebbe stato misurato dall’intelligence raccolta, dai segreti rubati, non dal loro presunto lavoro per l’ONU. Ciò violava le norme delle Nazioni Unite, che imponevano ai cittadini distaccati di lavorare per le Nazioni Unite, non per i loro governi nazionali.

Il dirottamento delle posizioni delle Nazioni Unite diede al KGB ricchi guadagni per reclutare cittadini occidentali come agenti di spionaggio o agenti di influenza. Un caso in questione si è verificato lo stesso anno della defezione di Shevchenko nel 1978.

Nel maggio dello stesso anno, l’FBI arrestò e perseguitò con successo due cittadini sovietici che lavoravano nel Segretariato delle Nazioni Unite con l’accusa di spionaggio. Sono stati catturati mentre cercavano di rubare segreti di guerra antisommergibile da un agente che credevano di aver reclutato nella marina statunitense, ma la loro fonte era in realtà, un doppio agente, che lavorava segretamente per l’FBI. I suoi agenti speciali arrestarono i funzionari sovietici in un centro commerciale nel New Jersey, mentre tentavano di recuperare un microfilm di segreti della difesa che il loro agente della Marina aveva gettato in una scatola di succo d’arancia. Non avevano l’immunità diplomatica, da cui il loro arresto, ma un terzo cittadino sovietico prelevato sulla scena lo ha fatto, permettendogli di non subire alcuna sanzione per ciò che aveva fatto.

La natura dello spionaggio sovietico alle Nazioni Unite fu ulteriormente rivelata quando un ufficiale dell’intelligence militare sovietica (GRU) che lavorava alla missione sovietica delle Nazioni Unite a Ginevra, Vladimir Rezun, disertò per i servizi segreti britannici nel luglio 1978. La sua missione, come in seguito rivelò pubblicamente sotto lo pseudonimo di Viktor Suvorov, era quella di rubare segreti scientifici e tecnici alle potenze occidentali, in particolare agli Stati Uniti. Il suo terreno di caccia era la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD).

L’intelligence sovietica ha penetrato anche altri rami delle Nazioni Unite, come la sua Organizzazione Educativa, Scientifica e Culturale (UNESCO), e anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il Dipartimento dell’Informazione Pubblica delle Nazioni Unite è stato, ha rivelato Shevchenko, sovvertito per diventare un portavoce della propaganda sovietica.

E i governi occidentali, potremmo chiederci? Non stavano facendo lo stesso, usando l’ONU come copertura diplomatica per le loro spie? La risposta è sicuramente sì. Le prove documentali sono difficili da trovare, ma sarebbe ingenuo supporre altrimenti. (1-segue)

*Assistant Director dell’Applied History Project presso Harvard’s Kennedy School of Government.
General editor del  Cambridge History of Espionage and Intelligence 3 volumes (Cambridge University Press)
(traduzione a cura di Sofia Mazzei)

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Guterres: serve patto sul clima o conseguenze disastrose

Marco Santarelli

Tensione Russia-Ucraina, Biden a Putin: vediamoci

Andrea Strippoli Lanternini

Stoltenberg: “Vitale intensificare il sostegno militare all’Ucraina”

Renato Caputo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.