domenica, 14 Agosto, 2022
Politica

Aria di burrasca per la navicella di Conte

È una navigazione tormentata quella del nuovo governo giallo- rosso.

Oggi, alla Camera, nel voto su un documento fondamentale, come la nota di aggiornamento del DEF (il documento finanziario) solo 3 voti hanno salvato il governo che ha rischiato di tracollare per il gran numero degli assenti, soprattutto nelle fila del movimento 5 stelle.

Un segno, questo, della consistenza dei malumori che serpeggiano nella maggioranza e che si sono forse aggravati per l’impatto della riforma sul numero dei parlamentari; una riforma che, quando si voterà per le politiche, falcidierà soprattutto le fila dei peones, quasi tutti parlamentari eletti un anno e mezzo fa.

Conte non può essere sicuro su quasi nulla: il M5S è ormai dilaniato da gruppuscoli e correnti, che a loro volta si riferiscono o agli ortodossi, come Di Maio, o ai movimentisti, mentre il PD ha suoi problemi per fronteggiare o ignorare le esternazioni di Renzi su quasi tutti gli aspetti delle politiche del governo.

Si avvicinano intanto le elezioni in una serie di Regioni: prima di tutte l’Umbria, dove la inedita alleanza fra PD, Leu e M5S fatica a fronteggiare l’offensiva del centro destra che appare ancora in vantaggio.

Le cronache sono poi dominate dalla politica estera, con le sfuriate di Trump che sembra impegnato soprattutto a danneggiare i suoi tradizionali alleati e a favorire le velleità imperiali del presidente turco, che pensa forse di poter emulare i grandi sultani dell’epoca d’oro della civiltà islamica e intanto si lancia al massacro dei curdi fra i bisbigli critici di un Occidente che, come negli anni 30 e 40 del secolo scorso, cede ai prepotenti e abbandona gli amici alle peggiori delle sorti.

Sponsor

Articoli correlati

Il governo Conte Bis ha giurato al Quirinale

Redazione

Conte non scioglie la riserva, “Senza fatti irremovibile”

Redazione

Non si lottizza la sicurezza dello Stato

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento