martedì, 7 Dicembre, 2021
Società

Strage 3 ottobre, Lampedusa “al centro dell’Europa”

Il prossimo 3 ottobre, per un giorno, Lampedusa sarà “al centro dell’Europa”. In 30 tra capitali e città europee si organizzano infatti una serie di iniziative per promuovere la petizione che mira a richiedere alle istituzioni dell’UE che il 3 ottobre (giorno in cui nel 2013 di fronte Lampedusa avvenne una delle più gravi stragi di migranti del Mediterraneo) diventi la “Giornata Europea della Memoria e dell’Accoglienza”. Tutte le iniziative sono promosse nell’ambito del progetto comunitario Snapshots from the Borders, che vede proprio il comune di Lampedusa e Linosa quale ente capofila.

Oltre ad una serie di appuntamenti organizzati in Italia (a Lampedusa ed a Palermo), in ognuna delle città europee coinvolte ci saranno vari tipi di iniziative (eventi culturali, documentari, dibattiti, mostre, flash-mob, concerti, punti di raccolta delle firme) finalizzate a sensibilizzare i cittadini sui diversi aspetti legati al fenomeno migratorio. Fra gli eventi più significativi: ad Amsterdam tre imbarcazioni di Rederij navigheranno lungo i canali della città con a bordo i “capitani rifugiati”, che racconteranno le loro storie personali; a Vienna ed a Berlino sarà esposta una riproduzione della Porta d’Europa, uno dei simboli di Lampedusa.

A Lisbona ci sarà un flash mob, nel luogo dell’evento verrà allestito uno scenario che riproduce un grande “muro” che un gruppo di ballerini “distruggera'” per poi invitare il pubblico a costruire un “ponte” con gli stessi materiali; a Mostar sara’ allestito un banchetto per la raccolta delle firme per la petizione proprio sul famoso ponte che divenne “simbolo di rinascita”. L’elenco completo degli eventi è disponibile cliccando questo indirizzo web:
http://www.snapshotsfromtheborders.eu/italy-capital-events/ Le capitali coinvolte sono Amsterdam (Olanda), Atene (Grecia), Berlino (Germania), Bratislava (Slovacchia), Bruxelles (Belgio), Bucarest (Romania), Budapest (Ungheria), Copenaghen (Danimarca), Dublino (Irlanda), Helsinki (Finlandia), La Valletta (Malta), Lisbona (Portogallo), Londra (Regno Unito), Lubiana (Slovenia), Lussemburgo (Lussemburgo), Madrid (Spagna), , Parigi (Francia), Praga (Repubblica Ceca), Riga (Lettonia), Sofia (Bulgaria), Stoccolma (Svezia), Tallin (Estonia), Varsavia (Polonia), Vienna (Austria), Vilnius (Lituania), Zagabria (Croazia). A queste capitali si aggiungono Agios Athanasios (Cipro), Mostar (Bosnia-Erzegovina), Lampedusa e Palermo (Italia).
E’ possibile firmare la petizione per richiedere all’UE che il 3 Ottobre diventi “Gionata Europea della Memoria e dell’Accoglienza” sul sito www.snapshotsfromtheborders.eu. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

Guardare ai dimenticati

Antonio Falconio

Tripoli… bel suol d’orrore. Cosa fare per gli immigrati

Giuseppe Mazzei

Contrasto tratta esseri umani, la Regione Calabria ottiene fondi per più di un mln

Redazione

Lascia un commento