venerdì, 24 Gennaio, 2020
Esteri

Il Dipartimento della Sicurezza Interna riconosce come terroristi i gruppi che commettono crimini d’odio

Il 20 settembre 2019, il Dipartimento della Sicurezza Nazionale Americano ha finalmente riconosciuto l’esistenza di una strategia terroristica interna agli Stati Unititi pericolosa più di quanto non lo sia quella straniera Jihadista.

Negli Stati Uniti, negli ultimi anni sono stati commessi più attacchi da parte di persone motivate dal razzismo, dall’antisemitismo e dall’odio contro l’immigrazione che da quelle ispirate da gruppi come al-Qaeda e il cosiddetto Stato islamico.

Sicuramente il riconoscimento di questi gruppi terroristi rappresenta un traguardo, ma il Governo degli Stati Uniti dovrebbe impegnarsi maggiormente come ha fatto il Canada, il Regno Unito ed altri Paesi che hanno ritenuto condannare i gruppi estremisti tansnazionali che operano nei loro territori.

Il 20 settembre 2019, Kevin McAleenan, il segretario ad interim del Dipartimento per la Sicurezza Interna (DHS), ha svelato una nuova strategia antiterrorismo. In un cambiamento tanto necessario rispetto alle strategie precedenti, la versione più recente si concentra tanto sui gruppi di odio domestico quanto sui gruppi terroristici jihadisti stranieri. McAleenan ha dichiarato che le recenti sparatorie di massa, incluso l’attacco a El Paso da parte di un estremista della supremazia bianca, avevano “galvanizzato il Dipartimento della Sicurezza Interna per espandere la sua missione antiterrorismo al di là dei terroristi che operano all’estero, per includere quelli radicalizzati alla violenza all’interno dei confini statunitensi. Per anni, gli Stati Uniti hanno minimizzato la scala dei gruppi di odio domestici, in particolare gli estremisti della supremazia bianca violenta, anche se questi gruppi si sono moltiplicati e hanno stabilito collegamenti con le reti all’estero. Negli Stati Uniti, negli ultimi anni sono stati commessi più attacchi da parte di persone motivate dal razzismo, dall’antisemitismo e dall’odio contro l’immigrazione che da quelle ispirate da gruppi come al-Qaeda e il cosiddetto Stato islamico. Tuttavia, l’attenzione per le forze dell’ordine e le agenzie di intelligence, nonché le risorse destinate ad affrontare la minaccia sono rimaste sulle reti jihadiste, sottovalutando il problema.

La strategia rivista non si limita a ridefinire “terrorismo”, un termine che è riuscito a essere sia eccessivamente ampio e insufficientemente ristretto, sia altamente politicizzato. Nel suo nuovo documento di strategia, il DHS usa il termine “violenza mirata” per classificare gli attacchi in cui l’autore, quasi sempre di sesso maschile, seleziona il proprio obiettivo in base a razzismo, sessismo, antisemitismo o xenofobia. Il termine viene utilizzato anche quando non vi è alcuna motivazione dichiarata o nota per l’attacco; il 1 ° ottobre 2017, le sparatorie di massa a Las Vegas, in cui un sicario ha ucciso 58 persone, è un esempio di tale attacco in cui le autorità non sono ancora state in grado di discernere un chiaro motivo.

C’è stata una grande quantità di risorse umane e risorse dedicate all’identificazione, alla comprensione e alla ricerca di scoraggiare la diffusione online di ideologie violente da parte di gruppi jihadisti come al-Qaeda e lo Stato islamico. Molto meno attenzione è stata rivolta ai gruppi estremisti della supremazia bianca, che hanno operato a lungo in modo simile, emulando deliberatamente le tattiche dei social media utilizzate dai jihadisti. Gruppi come la Atomwaffen Division e il Rise Above Movement (R.A.M.) hanno radici negli Stati Uniti ma hanno sviluppato connessioni globali in luoghi come Australia, Canada, Germania e Ucraina e ora cominciano ad organizzarsi in Italia. Una strategia efficace per contrastare la violenza della supremazia bianca richiede un’onesta valutazione della lunga storia del razzismo negli Stati Uniti e che, sebbene siano stati compiuti passi da gigante in tal senso, è chiaro che è necessario fare molto di più per affrontare questo problema e con urgenza. La strategia DHS, giustamente, si approccia al problema tenendo conto dei cambiamenti  dell’ “intera società” punto di partenza fondamentale necessario per affrontare una minaccia così radicata e insidiosa.

Oltre alla nuova configurazione strategica, il Governo degli Stati Uniti potrebbe e dovrebbe fare di più. Ad esempio, seguendo l’esempio di altri Paesi che hanno deciso di condannare gruppi come Blood & Honor e Combat 18, Secondo un rapporto che sarà presto pubblicato dal Centro Soufan, le designazioni terroristiche del Dipartimento di Stato e del Tesoro degli Stati Uniti potrebbero ostacolare il viaggio di terroristi negli Stati Uniti, criminalizzare il sostegno a persone e gruppi sanzionati e bloccare la circolazione di beni verso quelli designati per sanzioni. Le designazioni delle sanzioni consentirebbero anche al Dipartimento di Giustizia Americano di perseguire chi fornisce supporto materiale ai gruppi designati, una misura che potrebbe potenzialmente ricevere sostegno bipartisan al Congresso.

Related posts

Gli Stati Uniti hanno sottovalutato la capacità bellica iraniana?

Giampiero Catone

Dal bipolarismo al multipolarismo: conflitti e crisi internazionali

Pietro Lauri

Una lezione dal caso MES: cambiare metodo

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni