mercoledì, 20 Ottobre, 2021
Agroalimentare

Confagricoltura “Impegno comune con Convase per sementi di qualità”

“Confagricoltura ha aderito al Convase con convinzione, nell’ottica di consolidare la cooperazione di filiera. Il Consorzio per la valorizzazione delle sementi è un luogo di incontro e di confronto per assicurare – grazie anche al disciplinare “Seme di qualità” – la tracciabilità, la sicurezza e la sostenibilità del processo produttivo, sin dall’inizio del ciclo, partendo dal seme, per giungere alla tavola”. Lo ha detto il vicepresidente di Confagricoltura Matteo Lasagna, intervenendo alla tavola rotonda realizzata in occasione dell’assemblea generale di Convase, che si è svolta in presenza a Bologna.

“I nuovi obiettivi sostenibili, a livello mondiale ed europeo, spingono a realizzare un’agricoltura più sostenibile e più competitiva – ha proseguito Matteo Lasagna -. Se vogliamo, quindi, che l’agricoltura soddisfi la necessità di cibo per tutti e, al contempo, contribuisca alla mitigazione del cambiamento climatico, come agricoltori non possiamo fare a meno di varietà nuove e innovative, in grado di: essere più produttive e resistenti alle fitopatie; adattarsi al cambiamento climatico e mitigarne gli effetti; contribuire alla protezione della biodiversità, degli habitat e dei paesaggi; aiutare a ridurre perdite e sprechi; dare prodotti nuovi, che aumentino le opzioni per le imprese e le scelte per i consumatori”. “Talvolta, a fronte di un sempre massiccio ricorso alle sementi elette, può accadere che i produttori agricoli (cerealicoli in particolare), che quotidianamente si confrontano con ricavi al limite del pareggio, in balia di prezzi di mercato altalenanti e non sempre remunerativi, possano ritenere poco vantaggioso investire in sementi certificate; anche perché i prezzi dei prodotti ottenuti non consentono di coprire adeguatamente i costi di coltivazione, inclusi quelli del seme.

Ciò però – ha concluso il vicepresidente di Confagricoltura – non deve costituire un limite ma, al contrario, deve essere uno stimolo ad impegnarsi nel miglioramento genetico e nella selezione, indirizzando maggiormente tale attività verso i fabbisogni delle imprese agricole”. Il settore della moltiplicazione delle sementi in Italia coinvolge 15.000 agricoltori per le specie agrarie e 4.000 per le specie ortive a livello nazionale. La superficie di produzione delle sementi ufficialmente certificate nel 2019 si attesta a 202 mila ettari. È di 1 miliardo di euro circa il fatturato del settore sementiero.

Sponsor

Articoli correlati

Prodotti agroalimentari, nuovo balzo dei prezzi. Covid e speculazioni internazionali innescano la spirale. La fragilità del sistema Italia

Giulia Catone

Agroalimentare settore da 548 miliardi. Il Piano Coldiretti: serve innovazione, qualità, digitale e controlli 100% Made in Italy

Angelica Bianco

Covid, 1,1 mln tonnellate di cibi e vini invenduti nei ristoranti

Redazione

Lascia un commento