giovedì, 29 Febbraio, 2024
Attualità

Assegno unico. Famiglie siano al centro della ripresa

Il Governo vara l’assegnoi unico per i figli.Un primo passo per riportare le famiglie al centro dell’attenzione per la ripresa.Un’ondata di ottimismo sul futuro italiano continua a crescere dopo che tutti i maggiori istituti di previsione economico-finanziaria – Bankitalia, Fmi, Commissione europea e ora anche l’Istat – rivedono al rialzo l’asticella della crescita del Pil dato sopra il 4%, sia nel 2021 (+4,7%) sia nel 2022 (+4,4%).  Non solo.

Nel quarto trimestre del 2020, le famiglie hanno acquisito attività finanziarie per 57,1 miliardi di euro. La vendita di titoli di debito e di azioni e partecipazioni è stata più che compensata dall’aumento dei depositi (40,1 miliardi di euro), dall’acquisto degli strumenti del risparmio gestito (20,6 miliardi di euro) e delle altre attività finanziarie (8,6 miliardi di euro). Anche per quanto riguarda i consumi, l’Istat prevede un aumento del 3,6%, con un leggero aumento della propensione al consumo.

CI SONO ANCHE I “SE” E I “MA”

Accanto ai segnali di segno positivo, però, ci sono anche i “se” e i “ma” di cui tenere conto.  “Se si riduce l’incertezza, e si mantiene la prudenza necessaria, la ripresa diventa concreta nella seconda metà dell’anno”, sono i “se” non da poco di Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, mentre Luigi Federico Signorini, direttore generale della Banca d’Italia, ci ricorda che: ‘‘Il fardello del debito pubblico non lo dobbiamo mai dimenticare, perché resta un elemento di vulnerabilità del nostro paese’‘.

 

FEDERCONSUMATORI METTE IN GUARDIA SULLE TROPPE DISUGUAGLIANZE

Ma i dubbi più grandi restano quelli legati alla occupazione che introduce il tema delle profonde disuguaglianze economiche e sociali accentuatasi nella pandemia. Incerto, infatti, è l’andamento del mercato del lavoro con un recupero di posti assai modesto e una perdita complessiva rispetto al periodo pre-Covid che raggiunge le 800 mila unità. Circostanza che spinge i sindacati a insistere nel chiedere il mantenimento del blocco dei licenziamenti. Secondo i dati Istat, la disoccupazione ha segnato un aumento del 9,8% nel 2021 e, nel 2022, si stima al 9,6%. Numeri che spingono Federconsumatori a smorzare l’ottimismo generale, considerando troppo roseo il quadro relativo ai consumi e all’andamento della domanda interna. Ridurre l’incertezza, pre-requisito posto anche da Visco per una vera ripartenza, passa necessariamente per un miglioramento delle condizioni di vita delle famiglie. Per questo, Federconsumatori continua a chiedere al Governo “l’adozione di pacchetti di misure volti al sostegno delle famiglie e non unicamente delle imprese, anche attraverso una più determinata lotta all’evasione fiscale e l’adozione di una tassazione straordinaria solo sui grandi patrimoni“.

 

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Fed e Bce non temono l’inflazione. Parola d’ordine, elasticità

Diletta Gurioli

Alzheimer. Quando l’AI può salvarci la vita

Cristina Calzecchi Onesti

Corte Costituzionale: principio di non retroattività anche per contratti pubblici

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.