lunedì, 27 Settembre, 2021
Attualità

Populismo e intolleranza: i conti ancora aperti col terrorismo politico

L’Italia ha fatto davvero i conti col terrorismo? Probabilmente li ha fatti meglio di quanto non fece col fascismo. Ma il populismo degli ultimi 10 anni è stata un ripresa di fiamma di quel modo distorto, demagogico, manicheo e pericoloso di intendere la politica. Per fortuna la violenza del populismo è rimasta nelle parole.

Il fascismo  fu archiviato frettolosamente e rimosso senza esaminare il perchè fosse nato e come mai avesse goduto, almeno per una certa fase, di un ampio consenso. Della tragica vicenda del Ventennio  fu poco studiata   quella che è stata definita la “guerra civile”  scatenatasi dopo la caduta del Duce  e che ha lasciato strascichi e strappi nella coscienza collettiva degli italiani. Una componente del terrorismo, quello nero, neofascista e neonazista, trovò proprio nei detriti mal digeriti di quel periodo l’alimento della sua folle azione stragista e criminale.

Tutt’ora i nostalgici del fascismo, quei gruppi che provano un senso di insano orgoglio nell’esibire il saluto romano, poco o nulla rinnegano dei tragici errori di Mussolini, dimostrando che i conti  con quella che doveva essere una “parentesi” non sono completante finiti, nonostante la destra parlamentare, soprattutto con Gianfranco Fini, abbia saputo completare l’accreditamento democratico e repubblicano  di quell’area.

 

IL VENTENNIO TERRORISTA

Il terrorismo è esperienza più recente, dal 1969 a metà degli anni ottanta, anche qui quasi un ventennio di lutti, lacerazioni , di giovani esistenze bruciate dall’odio ideologico e dalla violenza.

Il terrorismo di sinistra, è stato combattuto con uno spirito di unità nazionale dopo la strage di Via fani e l’uccisione di Aldo Moro.

Il Pci capì con ritardo che  le brigate non erano “sedicenti” rosse ma erano rosse e basta  perchè si rifacevano al credo rivoluzionario marxista-comunista che il partito di via Botteghe oscure non aveva abbandonato del tutto neanche dopo aver individuato la “via parlamentare e italiana” al socialismo.

Nel periodo di massima espansione del terrorismo si calcolava che circolassero in Italia circa 3000 persone addestrate e pronte a uccidere, in gran parte giovanissmmi, e provenienti da aree culturali comuniste e cattoliche. Ma questi “pesci” per usare la metafora di Mao ,potevano nuotare in un mare di oltre 50.000 persone  insospettabili e insospettate, fiancheggiatrici,pronte a dare sostegno, ospitalità e copertura agli “operativi”.. Il terrorismo ha rappresentato il battesimo di sangue della nostra democrazia che si è affrancata dal fideismo intollerante delle ideologie totalizzanti che si proclamano forze del Bene contrapposte alle forze del Male. Una crisi di sana secolarizzazione della politica che non è del tutto completata.

 

LA POLITICA MANICHEA DEI POPULISTI

Il populismo che abbiamo conosciuto negli ultimi 10 anni è stata un ripresa di fiamma di quel modo distorto, demagogico, manicheo e pericoloso di intendere la politica. Per fortuna la violenza del populismo è rimasta nelle parole. Ma occorre stare all’erta. Sotto la cenere dell’intolleranza cova sempre la violenza.

 

Sponsor

Articoli correlati

Ore decisive per il Governo

Redazione

Fase 2. L’Italia riparte tra errori, caos, regole-farsa e paure del governo

Redazione

Un uomo con le “stellette” il prossimo sindaco di Roma?

Domenico Turano

Lascia un commento