lunedì, 17 Maggio, 2021
Economia

Tassa rifiuti: Confcommercio, aumenta anche in pandemia. Urge cambiare i criteri

Oltre la pandemia per le piccole imprese c’è lo spettro della Tassa sui rifiuti, Tari, che invece di diminuire molti Comuni l’aumentano. Un nuovo peso economico sottolineato dalla Confcommercio con note polemiche e studi, che scende in campo dei propri associati chiedendo una riforma complessiva del calcolo della Tari. L’analisi dei costi è racchiusa nel “Rapporto Rifiuti 2020”, con cifre che secondo la Confcommercio dimostrano come: il 60% dei Comuni ha aumentato la tassa rifiuti, mentre la Confederazione chiede di “Esentare dal pagamento le imprese colpite dalla pandemia”.

Secondo Pierpaolo Masciocchi, responsabile Ambiente e Utilities di Confcommercio, “sarebbe necessaria una riscrittura complessiva”. L’idea è quella di commisurare la tassa direttamente alla quantità e alla qualità dei rifiuti prodotti. “E non tenere in considerazione solo la superficie dell’attività in questione”.

Un altro aspetto che rende la Tari una tassa troppo complicata è che “dipende troppo dai piani finanziari del Comune di riferimento: molto spesso le amministrazioni comunali sforano i propri budget e per rientra e applicano aumenti alle tariffe locali compresa quella dei rifiuti”.  Per quel che riguarda la parte variabile dei costi, Masciocchi precisa che c’è una legge (116/2020) che però deve essere recepita dai Comuni: “se le aziende utilizzano gestori privati per lo smaltimento dei rifiuti dovrebbero pagare solo quel servizio e quindi bisognerebbe detassare la quota corrispettiva della Tari”. “Confcommercio”, sottolinea ancora Masciocchi, “auspica che su questi aspetti il Governo possa intraprendere un dialogo costruttivo con gli operatori e le associazioni imprenditoriali”.

Il nodo rimane quello degli impianti di smaltimento la cui carenza cronica porta all’aumento dei servizi di raccolta e smaltimento.

“Occorre risolvere il problema della mancanza cronica di una dotazione impiantistica che fa lievitare i costi dei piani finanziari dei Comuni e, quindi, delle tariffe per le utenze”, calcola Confcommercio, “la carenza di impianti costringe infatti ad inviare una parte considerevole di rifiuti nelle discariche o ad esportarli all’estero per il trattamento e l’incenerimento”.

 

IMPRESE SOTTO PRESSIONE

Da sfondo alle richieste la crisi economica e la pandemia che ha colpito duramente le imprese. In modo particolare quelle del commercio e della ristorazione, che hanno dovuto fare i conti con restrizioni e chiusure vedendo azzerati i loro fatturati e in moltissimi casi doversi arrendere con fallimenti o chiusure. In questo scenario, si assiste ad una situazione veramente paradossale: nonostante il blocco delle attività economiche, e dunque anche una riduzione dei rifiuti prodotti dalla stesse, il costo totale della relativa tassa, la Tari, non solo non è diminuito come sarebbe lecito aspettarsi ma anzi. Secondo il rapporto Rifiuti 2020 della Confcommercio realizzato attraverso lo studio dell’Osservatorio Tasse Locali ha raggiunto un livello record di 9,73 miliardi crescendo dell’80% negli ultimi dieci anni. L’analisi diventa ancora più “chiara” con il confronto tra le tariffe medie riscontrate nelle Regioni per le singole categorie produttive. Per l’Arera l’autorità di regolazione e controllo in materia di rifiuti urbani, nel corso del 2020 sarebbe dovuta diventare operativa l’adozione del nuovo Metodo Tariffario Rifiuti (MTR) con l’obiettivo di evitare voci di costo improprie, inefficienze e una maggiore aderenza tra le tariffe pagate dalle utenze e la reale produzione dei rifiuti nel rispetto del principio europeo “chi inquina paga”. Il punto cardine di questo principio è che i costi della gestione dei rifiuti, compresi quelli per la necessaria infrastruttura e il relativo funzionamento, sono sostenuti dal produttore iniziale o dai detentori del momento o dai detentori precedenti dei rifiuti.

Ma nei dati dell’Osservatorio si vede come su 110 capoluoghi di provincia e Città Metropolitane, quasi l’80% dei Comuni non ha ancora definito questo nuovo metodo e nel 21% dei Comuni che, invece, lo hanno recepito, in più della metà dei casi (il 58%) il costo della Tari risulta, paradossalmente, in aumento mediamente del 3,8%. I Comuni “virtuosi che hanno ridotto le tariffe nei confronti delle utenze non domestiche, hanno utilizzato modalità diverse: c’è chi è intervenuto solo sulla parte variabile, mentre alcuni Comuni si sono spinti a ridurre la Tari complessiva fissa e variabile, altri hanno invece previsto un dilazionamento dei pagamenti e infine alcune Amministrazioni comunali hanno ridotto la Tari solo sull’ampliamento dell’occupazione di suolo pubblico.

“Parlando di paradossi”, rivela la Confcommercio, “quello più incomprensibile, o forse no, è che a fronte di costi sempre molto elevati, non corrisponde mediamente un livello di servizio migliore”. Sono, infatti, ben 9 le Regioni che si posizionano ancora sotto il livello 6 di sufficienza: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Molise, Puglia e Toscana. Le regioni più “virtuose” risultano essere l’Emilia Romagna (7,38), il Piemonte (7,33), il Veneto (7,17) e la Lombardia (7).

Sponsor

Articoli correlati

Scuola dell’infanzia e servizi educativi: come riprendere a settembre?

Luigi Morgano

La “lezione” di Sgarbi ai cattolici pavidi

Carmine Alboretti

Coronavirus, allarme sottovalutato?

Carmine Alboretti

Lascia un commento