mercoledì, 27 Ottobre, 2021
Economia

Confartigianato: La nemica del Recovery Plan è la mala burocrazia

“Il successo delle misure del Piano per far ripartire l’economia dipende da rapidità di progettazione, efficienza nella gestione e attuazione amministrativa, accessibilità immediata per le piccole imprese”. Così i rappresentanti di Confartigianato durante l’audizione sul Pnrr davanti alle commissioni Bilancio e Politiche dell’Ue del Senato. La Confederazione ha ribadito la necessità di puntare su interventi che valorizzino le capacità e le potenzialità delle piccole imprese italiane e che rimuovano gli storici ostacoli alla competitività del nostro sistema produttivo. “Questa – secondo Confartigianato – è l’ultima chance: non possiamo proprio permetterci i ritardi e le complicazioni che hanno bloccato e fatto fallire tante riforme e progetti di sviluppo annunciati in questi anni”.

“Per questo condividiamo e apprezziamo quanto affermato dal premier Draghi in merito al modello ‘Ponte Morandi’ da seguire per liberare i percorsi amministrativi dalle procedure e dagli appesantimenti inutili. Le piccole imprese – hanno sottolineato i rappresentanti di Confartigianato – non aspettano altro che segnali concreti per rimettersi in moto sia con misure strutturali di riduzione della pressione fiscale e semplificazione degli adempimenti burocratici, sia facilitandone l’accesso a nuovi strumenti di finanza d’impresa, alla ricerca e ai progetti di innovazione digitale e tecnologica, di transizione ecologica e di internazionalizzazione”. In particolare, la Confederazione ha richiamato la necessità di investimenti in infrastrutture materiali e immateriali di collegamento delle persone, delle merci e delle informazioni.

Di rendere stabili gli incentivi per le ristrutturazioni, prorogare a tutto il 2023 il superbonus 110% e valorizzare gli appalti a km zero. Sul fronte del lavoro, oltre a sollecitare l’eliminazione dei vincoli e delle limitazioni sui contratti a termine, Confartigianato ha chiesto “politiche attive e rilancio della formazione tecnica e professionale dei giovani, interventi per il trasferimento d’impresa e di competenze, a cominciare dall’apprendistato quale canale privilegiato di ingresso nel mondo del lavoro”. Ha poi ribadito il no a un unico ammortizzatore sociale identico per tutti i settori: “Bisogna migliorare gli ammortizzatori sociali ampliandone le tutele, ma garantendo e valorizzando le specificità settoriali come quella dell’artigianato”.

Sponsor

Articoli correlati

Quali riforme nei prossimi tre anni

Giuseppe Mazzei

La burocrazia rallenta gli aiuti. Flop degli incentivi per le assunzioni. Non bastano le promesse

Giampiero Catone

Confartigianato, sull’Autonomia patto con Governo e Ministeri

Maurizio Piccinino

Lascia un commento