venerdì, 23 Aprile, 2021
Esteri

Covid: l’economia dell’Austria è quella che è crollata di più nell’UE

È stato chiaro da tempo che le chiusure e le restrizioni di viaggio avranno un impatto particolarmente negativo sulla produzione economica a causa della grande percentuale di turismo, ma la profondità della recessione è sorprendente. Questo può ora essere visto nel confronto europeo, che è stato pubblicato martedì. Eurostat ha riportato i dati economici del quarto trimestre. Lo scrive Der Standard. L’economia dell’Austria è quella che è crollata di più nell’UE da ottobre a dicembre con un calo del 4,3 per cento rispetto al terzo trimestre. Si tratta di una stima flash dell’autorità statistica, in cui mancano ancora i dati dei singoli paesi, quindi qualcosa nel confronto può ancora cambiare. Le differenze sono più che evidenti.

L’UE si è ridotta più di otto volte meno dell’Austria. L’Italia, il paese con il secondo peggiore sviluppo, è andato significativamente meglio con un meno due per cento. Altri paesi vicini, come la Repubblica Ceca e la Germania, hanno addirittura ottenuto un piccolo aumento. Un confronto con l’anno precedente mostra anche la profonda caduta dell’economia nazionale. Il valore aggiunto è sceso del 7,8 per cento, quello dell’UE del 4,8 per cento. Con il 9,1 per cento in rosso, secondo questa analisi, solo la Spagna è stata colpita dalla pandemia più duramente dell’Austria. L’istituto di ricerca economica prevede anche un ulteriore calo del prodotto interno lordo nel trimestre in corso.
Alla fine di gennaio, è stato determinato un calo del 14% rispetto all’anno precedente. Il turismo è considerato la causa principale dello scarso sviluppo. In relazione alla produzione economica, è quasi il doppio della media dell’UE.

Molti economisti non credono che il turismo sia l’unica ragione del crollo. Si fa riferimento, per esempio, al fatto che l’Austria ha passato più giorni di blocco rispetto, per esempio, alla Germania e soprattutto alla Svizzera. Altri tirano in ballo anche le industrie dipendenti dal turismo, come la vendita al dettaglio di articoli sportivi. Anche l’effetto del lavoro a orario ridotto non è considerato esclusivamente positivo. Sussidi statali elevati potrebbero aver portato a ridurre le ore di lavoro più del necessario. È simile con vari altri aiuti. Tuttavia, qui non ci sono studi che garantiscano prove sugli effetti dei singoli strumenti di sostegno.

Sponsor

Articoli correlati

Perché piace tanto l’usato

Chiara Catone

 L’Italia non ceda a veti e burocrazie dei “falchi” del nord Europa. Non abbiamo bisogno di mance e commissioni d’esame

Giampiero Catone

Giorni decisivi per la crisi

Giampiero Catone

Lascia un commento