mercoledì, 26 Gennaio, 2022
Attualità

Istat: vendite in calo, bene invece mercato del lavoro

“Nelle ultime settimane del 2020, il riacutizzarsi dei contagi ha reso necessarie nuove misure di contenimento che hanno frenato la ripresa economica internazionale. Il lockdown in molti casi è stato parziale, determinando effetti eterogenei tra paesi e settori produttivi”.
Lo evidenzia l’Istat nella Nota Mensile sull’andamento dell’economia italiana.
“In Italia, gli indicatori congiunturali hanno mostrato un’evoluzione in linea con quella dell’area euro. A novembre, la produzione industriale e le vendite al dettaglio hanno segnato una flessione – prosegue l’Istituto di Statistica -. Segnali positivi hanno caratterizzato l’andamento del mercato del lavoro, con una ripresa della tendenza all’aumento dell’occupazione a cui si è accompagnata una decisa riduzione della disoccupazione”.

“A fine anno, si è attenuata la fase deflativa dei prezzi al consumo, come effetto di una minore deflazione per i beni energetici e di una moderata ripresa della core inflation.
Le aspettative per i prossimi mesi mantengono un elevato grado di incertezza, ma a dicembre la fiducia di famiglie e imprese ha registrato un miglioramento”, prosegue l’Istat.
Dopo cinque mesi di continua crescita, a ottobre le esportazioni hanno mostrato una flessione in termini con-giunturali (-1,3%).
Rispetto all’anno precedente il divario si è nuovamente ampliato: le vendite all’estero di prodotti italiani sono, infatti, risultate inferiori dell’8,4% rispetto a ottobre 2019. Le importazioni, dopo il calo registrato a settembre, a ottobre hanno segnato un nuovo aumento (+1,4% in termini congiunturali). Il valore complessivo degli acquisti continua, tuttavia, a essere significativamente inferiore a quello osservato nello stesso mese dell’anno precedente (-8,2%).

Sponsor

Articoli correlati

Giovani: il futuro ha loro in bocca

Luca Sabia

Imprese sociali: la terza gamba dell’economia, in attesa di riforma

Giulia Catone

Moda, il vero miracolo italiano. Confartigianato: Piccole imprese leader in Europa e nel mondo. Fatturato, occupazione e importanza di un settore strategico

Maurizio Piccinino

Lascia un commento