sabato, 24 Agosto 2019
Esteri

La morte di Hamza

Mercoledì, diversi funzionari statunitensi senza nome sembrano confermare la morte di Hamza bin Laden, figlio del fondatore di al-Qaeda e leader di lunga data Osama bin Laden. I dettagli sulla morte di Hamza sono stati oscuri, anche se ora sembra che gli Stati Uniti abbiano avuto un ruolo nell’operazione che ha ucciso il giovane Bin Laden. Il presidente Trump ha finora rifiutato di commentare. Non è noto dove sia stato ucciso Hamza bin Laden, con vari rapporti negli ultimi anni che suggeriscono che si nascondesse in uno dei diversi paesi: Iran, Afghanistan, Pakistan o Siria. Dato che gli Stati Uniti hanno riconosciuto pubblicamente un ruolo nella sua morte, sembra improbabile che sia stato ucciso in Iran.

Dal 2015, Hamza ha assunto una posizione più prominente nella propaganda di al-Qaeda. Nello stesso anno, ha minacciato gli interessi americani, francesi e israeliani. L’anno seguente pubblicò molti altri messaggi, tra cui uno che minacciava gli americani e un altro che dirigeva la sua ira contro il regno reale in Arabia Saudita e la sua attuale leadership. Negli ultimi due anni, Hamza è stata protagonista della propaganda di al-Qaeda che ha incoraggiato i jihadisti ad attaccare l’Occidente, nonché esortazioni a rovesciare il regime saudita attraverso una violenta rivolta.

La morte di Hamza, sebbene a un certo livello simbolico, avrà un impatto anche su Al Qaeda a livello strategico. Data la sua importanza per il gruppo e il suo marchio, la perdita di Hamza sarà un duro colpo per la capacità di al-Qaeda di reclutare nuovi e soprattutto giovani militanti, che sono diventati maggiorenni in un’era in cui lo Stato Islamico, non Al Qaeda, è stato l’entità più dominante nell’universo jihadista più ampio. Sebbene gli mancasse l’esperienza operativa di leader di al-Qaeda come Saif al-Adel, un veterano jihadista di lunga data che ha legami con la fondazione del gruppo sin dalla fine degli anni ’80, Hamza poteva vantare legami familiari importanti oltre il padre. Hamza non era solo il figlio prediletto di Bin Laden, ma il genero di Abdullah Ahmed Abdullah, alias Abu Muhammad al-Masri, il veterano egiziano di al-Qaeda conosciuto per il suo ruolo nei bombardamenti dell’ambasciata nell’Africa orientale del 1998.

Se Hamza è stato ucciso, la sua morte arriva in un momento in cui la sua posizione all’interno di al-Qaeda era elevata. Lo scorso febbraio, il Dipartimento di Stato ha fatto una donazione di 1 milione di dollari su Hamza attraverso il suo programma Rewards for Justice. Hamza è stato addestrato, sin da quando era un giovane uomo, per guidare al-Qaeda e divenire il leader del gruppo pronto a resuscitare l’organizzazione e guidarla nel suo terzo decennio. In molti modi, Hamza è servito come collegamento generazionale tra la vecchia guardia e l’attuale organizzazione: la sua leadership di transizione verso la generazione successiva avrebbe potuto servire da potenziale unificatore per il movimento jihadista globale. Senza di lui al timone, al-Qaeda farà fatica a trovare un sostituto adatto con la stessa credibilità e il riconoscimento del nome del rampollo del suo fondatore.

Related posts

Lo spettro della recessione

Giampiero Catone

La guerra ideologica

Giampiero Catone

Tornano gli stregoni

Giampiero Catone

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni