lunedì, 28 Settembre, 2020
Ambiente

Danni all’ambiente. Coldiretti: agricoltura e imprese sotto tiro dei piromani. Danni enormi da incendi, bombe d’acqua e grandine

Sponsor

Territorio, ambiente, agricoltura, animali e persone sono le prime vittime dei roghi che in estate sono diventati un altro primato italico. A rendere ancora più triste questo scenario è un dato:
il 60% degli incendi è di origine dolosa e per far rinascere i boschi ridotti in cenere dal fuoco ci vorranno almeno 15 anni con danni all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. A fare i calcoli dei danni presenti e futuri è la Coldiretti che in una relazione sui violenti incendi – che stanno devastano in Italia con centinaia di ettari di foreste, macchia mediterranea e parchi naturali distrutti dall’Abruzzo alla Sardegna, dalla Puglia alla Sicilia -, dove si contano le conseguenze drammatiche in termini ambientali ed economici.

“Una situazione angosciante che l’Italia è costretta ad affrontare perché”, evidenzia la Coldiretti, “è mancata l’opera di prevenzione, sorveglianza e soprattutto di educazione ambientale sul valore inestimabile di un patrimonio determinate per la biodiversità e per la stabilità idrogeologica del territorio Nelle foreste bruciate”, sottolinea Coldiretti, “saranno impedite anche tutte le attività umane tradizionali del bosco come la raccolta della legna, dei tartufi e dei piccoli frutti, ma anche quelle di natura hobbistica come i funghi che coinvolgono decine di migliaia di appassionati”. C’è poi l’elemento delinquenziale umano con gli incendi innescati dai piromani. Atti scellerati che creano danni enormi all’ambiente, e alle persone.

“Il caldo africano e la siccità aiutano i piromani in un 2020 che”, ricorda la Coldiretti, “si classifica come il secondo semestre più torrido dal 1800 con temperature superiori di 1,1 gradi rispetto alla media per un paese come l’Italia dove più di 1/3 della superficie nazionale è coperta da boschi per un totale di 10,9 milioni di ettari. E se da una parte”, continua la Coldiretti, “la pioggia è utile per abbassare il rischio di diffusione dei roghi, dall’altra è però necessario che cada in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente, provocano danni alla tenuta dei suoli con frane e smottamenti come con l’ultima ondata di maltempo che ha colpito il nord Italia”. Per la Confederazione dei coltivatori diretti c’è una unica spiegazione quella dei cambiamenti del clima, un ritornello e un allarme che sono noti da tempo, contro cui si fa poco o nulla. “Siamo di fronte”, conclude la Coldiretti, “alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici che compromettono anche le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne”.

Articoli correlati

Partecipazione politica: le fasce più vulnerabili sempre meno interessate 

Rosaria Vincelli

Cadiamo a pezzi

Raffaele Bonanni

Rinviati a settembre Istruzione, Turismo e Sport: voto in pagella al programma di Governo e Regioni per i giovani

Tommaso Paparo

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni