sabato, 19 Settembre, 2020
Attualità

Aiuti al Mezzogiorno. Fiscalità di vantaggio le proposte della Uil. Veronesi: 2.5 milioni di lavoratori e le imprese avrebbero benefici consistenti per battere la crisi

Sponsor

Dare un aiuto alle imprese e ai lavoratori del sud, è possibile ma serve una fiscalità produttiva di vantaggio. È la proposta per il Mezzogiorno di Ivana Veronese, Segretaria Confederale Uil, che ha previsto diversi scenari fiscali e retributivi, a seconda delle ipotesi che sono state fatte a carico dello Stato. Lo studio quantifica i costi per lo Stato e i benefici per imprese e lavoratori, così a conti fatti si avrebbe un costo per le casse dell’erario compreso tra i 3,5 e i 4,9 miliardi, ma i lavoratori avrebbero nel contempo vantaggi salariali consistenti.

L’analisi della Uil-Servizio Lavoro, Coesione e Territorio elabora i dati Inps riferiti alla retribuzione media nel settore privato di una lavoratrice/lavoratore a tempo indeterminato, con esclusione del settore agricolo. La simulazione della Uil coglie costi e benefici, nel contempo ha il pregio di ridare fiato ad una economia meridionale che paga la sua arretratezza nei servizi e costi più salati del nord.

“Nel Mezzogiorno”, spiega Ivana Veronese, “gli occupati dipendenti a tempo indeterminato nel settore privato, con esclusione del settore agricolo, sono 2,5 milioni e la retribuzione media lorda è di 19.410 euro annui.

Simulando un taglio dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro di 7 punti, portando la percentuale di imposizione dal 23,81% al 16,81%, il costo complessivo per le casse dello Stato, sarebbe di 3,5 miliardi di euro l’anno, con un risparmio medio per le imprese di 1.359 euro per ogni dipendente a tempo indeterminato”. Lo studio prende in esame diversi scenari, quindi se il taglio dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro fosse di 10 punti, commenta ancora Ivana Veronese, portando la percentuale di imposizione dal 23,81% al 13,81%, il costo complessivo sarebbe di 4,9 miliardi di euro l’anno, con un risparmio medio per le imprese di 1.941 euro per ogni dipendente a tempo indeterminato.

“Il sistema produttivo del Mezzogiorno necessita, per aumentare l’occupazione, di una politica fiscale che riduca strutturalmente il carico del costo del lavoro per le imprese”, si fa presente in una nota di presentazione del centro studi del sindacato, “per questo la Uil è sempre stata favorevole ad una fiscalità di vantaggio nel Mezzogiorno che colmi il divario produttivo tra le varie aree del Paese, in quanto produrre al Sud beni e servizi ha un costo maggiore per l’assenza di un adeguato sistema di infrastrutture materiali ed immateriali”.

Tra l’altro oggi, nelle Regioni nel Sud, l’IRAP, le Addizionali IRPEF ed il Bollo Auto, per effetto dei piani di rientro dal deficit sanitario, sono più alte della media del Centro-Nord.

Dobbiamo inoltre, perseguire con particolare attenzione nel Mezzogiorno l’aumento della partecipazione e dell’accesso al mercato del lavoro di giovani e donne.

“Per questo auspichiamo”, conclude Ivana Veronese, “che nell’ambito del taglio del costo del lavoro nel Mezzogiorno per le donne ed i giovani il cuneo contributivo abbia un’intensità doppia”.

Articoli correlati

Sindacati. Bombardieri eletto segretario nazionale della Uil, ed è subito sfida con Confindustria.

Ettore Di Bartolomeo

È ora di riflettere

Giampiero Catone

Piccole imprese, grandi tasse

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni