sabato, 11 Luglio, 2020
Lavoro

Fiom-Cgil appello a Conte. Il segretario De Palma: settore in crisi serve iniziativa del Governo. Necessario assicurare produzione, sicurezza e nuovi ammortizzatori sociali

Sponsor

“La Fiom farà tutto quello che è nelle proprie disponibilità mobilitandosi con le lavoratrici e i lavoratori per poter salvaguardare il futuro occupazionale del nostro Paese”.

Lo dichiara Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive che sollecita il Governo e indirettamente le forze politiche ad intervenire per arginare una situazione produttiva che rischia di innescare un effetto domino negativo sull’occupazione e sull’economia nazionale.

“Non è più rinviabile un intervento da parte del Governo, come negli altri Paesi europei, che possa far ripartire il settore auto”, sottolinea Michele De Palma. La situazione determinata dall’emergenza Coronavirus è chiara e allarmante, con milioni di ore di lavoro perse, cassa integrazione e soprattutto centinaia di migliaia di macchine rimaste invendute. “Abbiamo lanciato oggi il video-messaggio su Collettiva.it e reso pubblico”, fa presente il segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive, “il documento inviato nei giorni scorsi all’attenzione del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai Ministeri competenti di Sviluppo economico e Lavoro, Patuanelli e Catalfo, sull’impatto del Covid-19 sull’occupazione nell’industria dell’auto e della mobilità e le proposte della Fiom per rilanciare il settore”.

Per il Michele De Palma per “far ripartire il settore attraverso un piano di rilancio i cui punti cardine devono essere l’ambientalizzazione delle produzioni, delle fabbriche e dei prodotti, la tutela delle lavoratrici, dei lavoratori e dei salari, la riforma degli ammortizzatori sociali e il mantenimento della capacità di ricerca-sviluppo e produzione”, ha aggiunto De Palma.

“Chiediamo al Premier Conte, alla luce dei dati del mercato e della cassa integrazione, un confronto per raggiungere un accordo che garantisca innovazione ecologica e occupazione. La Fiom”, ha concluso De Palma, “farà tutto quello che è nelle proprie disponibilità mobilitandosi con le lavoratrici e i lavoratori per poter salvaguardare il futuro occupazionale del nostro Paese”.

Articoli correlati

Salvo intese

Tommaso Marvasi

Alle 10 il giuramento al Quirinale per il Conte bis

Redazione

Il discorso integrale del premier dimissionario Giuseppe Conte

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni