sabato, 30 Maggio, 2020
Ambiente

Costa: “Tavolo permanente per monitoraggio dei rifiuti”

Sponsor

“La fase 2, anche nel campo dei rifiuti, apre riflessioni supplementari. È importante che ministero dell’ambiente, Ispra, soggetti ministeriali e operatori del settore collaborino in termini ufficiali”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, in audizione in commissione d’inchiesta sulle attivita’ illecite connesse al ciclo dei rifiuti, sulle iniziative per il periodo di emergenza Covid-19.

Per Costa, occorre “l’apertura di un tavolo permanente per il monitoraggio del flusso dei rifiuti indifferenziati, differenziati e sanitari, una campagna di comunicazione e linee di indirizzo nuove. In ordine all’incenerimento – ha continuato -, gli impianti hanno una capacità complessiva annua di 350 mila tonnellate, mentre adesso lavorano 150 mila tonnellate con un gap favorevole di capienza di circa 200 mila tonnellate”, ha spiegato il ministro parlando poi di mascherine riutilizzabili: “Usare questi tipi di mascherine significa ridurre l’utilizzo mensile a un terzo dell’attuale supposizione e avere uno stock ancora maggiore di capacità di gestione delle mascherine intesa come rifiuto indifferenziato. Lo scopo è coinvolgere altri operatori per poter utilizzare, per esempio, davanti alle farmacie raccoglitori di mascherine per la popolazione”.

Costa ha annunciato che “la verifica dei flussi dei rifiuti in termini probabilistici fra il 21 febbraio e il 25 aprile – ha ricordato Costa – mostra una diminuzione dei rifiuti prodotti pari al 13,9%. La motivazione è la diminuzione dei rifiuti degli esercizi commerciali e dal mondo del turismo”. Il ministro ha ricordato le raccomandazioni dell’Iss sulla gestione dei rifiuti:
“Nell’abitazione in cui sono presenti soggetti positivi al tampone sia interrotta la raccolta differenziata e tutti i rifiuti domestici siano equiparati a rifiuti indifferenziati e conferiti assieme”. Tra le raccomandazioni anche quella di “confezionare i rifiuti in modo da non danneggiare o contaminare esternamente i sacchi. Per le abitazioni in cui non sono presenti soggetti positivi – ha aggiunto -, mantenere le procedure in vigore nel territorio non interrompendo la raccolta differenziata”. (Italpress)

Articoli correlati

Fondali della Laguna di Venezia, erosione e rifiuti

Redazione

Salvestrini (Polieco): “I rifiuti sono una risorsa, provare per credere”

Angelica Bianco

Discariche abusive, in campo i geologi

Carmine Alboretti

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni