venerdì, 19 Luglio, 2024
Ambiente

L’anticiclone Minosse porta giornate roventi con 12°C oltre la norma

L’anticiclone Minosse, di origine africana, sta portando un’intensa ondata di caldo in Italia, con temperature che nelle prossime ore potrebbero superare i 40°C in alcune città. In particolare, si prevedono i 41-42°C al Sud e sulle Isole Maggiori, mentre al Centro, in città come Roma e Firenze, gli esperti annunciano temperature intorno ai 37-38°C. Inoltre, al caldo si unirà la presenza di sabbia sahariana che colorerà di giallo il cielo in alcune zone del Paese.

Nel dettaglio, le località dove si prevedono giornate più calde a causa di Minosse includono: Cagliari, con picchi fino a 44°C nelle zone interne; Benevento e Taranto, con massime di 41°C; Agrigento, Caserta, Foggia, Macerata, Siracusa e Terni, con temperature fino a 40°C; Ascoli Piceno, Catania, Fermo, Frosinone, Matera e Ragusa, con temperature tra 38°C e 39°C.

Queste sono le previsioni a breve termine rese note dal meteorologo Lorenzo Tedici, che ha parlato di un anticiclone che “porterà un caldo infernale su tutta l’Italia, compreso il Nord che finora aveva vissuto fasi relativamente fresche”. Un periodo, ha evidenziato l’esperto, “con il picco del caldo che scatenerà il mercurio dei termometri, fino a valori eccezionali per giugno, 12°C oltre la norma climatologica”.

Nelle prossime ore

A breve questa vampata nordafricana inizierà a toccare la Sardegna con 39°C ad Oristano, la Puglia con 36°C mentre porterà 35°C anche in Umbria. Roma testerà i primi 34°C della stagione. L’ondata di caldo sarà decisamente più potente tra mercoledì 19 e venerdì 21 giugno. Ma entro sabato, ha evidenziato l’esperto: “potrebbero arrivare dei temporali, specie al Nord, a mitigare un po’ la situazione”. Secondo Tedici de iLMeteo.it “solo localmente le temperature saliranno un po’ meno a causa di cieli più grigi o lattiginosi: sono previste infatti delle velature, specie sul fianco occidentale, con tanta sabbia del deserto che potrebbe in parte bloccare i raggi del sole”. E nonostante le velature, come detto, la zona più calda durante il picco di metà settimana resterà quella del cagliaritano dove sono previsti ben 44°C nelle zone interne più roventi e lontane dalla fresca brezza marina.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

A2a presenta il bilancio di sostenibilità territoriale di Bergamo

Redazione

Netwap, al via la sperimentazione del compostaggio su piccola scala

Redazione

P&G E WWF insieme per un’Italia più verde e sostenibile

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.