lunedì, 15 Aprile, 2024
Lavoro

Lavoro: quasi 408mila entrate previste dalle imprese a febbraio, 201mila le assunzioni di difficile reperimento

Salgono a 407.770 le assunzioni previste dalle imprese per il mese di febbraio 2024 e sono oltre 1,3 milioni quelle per il trimestre febbraio-aprile: +22mila rispetto a febbraio 2023 (+5,7%) e +114mila con riferimento all’intero trimestre (+9,5%). Tuttavia, rispetto a un anno fa cresce del 3,1% la difficoltà di reperimento di figure professionali (più di 201mila profili non ancora reperiti), soprattutto a causa della mancanza di candidati. A delineare questo scenario è il Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da UNIONCAMERE e Anpal, basato su interviste eseguite su un campione di oltre 118 mila imprese, raccolte nel periodo 8 gennaio- 22 gennaio 2024.

Maggiori opportunità di lavoro nel commercio

Nel dettaglio, dal Bollettino emerge che l’industria manifatturiera è alla ricerca di ben 82.120 lavoratori e nel trimestre febbraio-aprile le assunzioni previste saranno di quasi 245mila, segnalando una certa flessione rispetto allo scorso anno (-1,8% su mese e -0,4% sul trimestre). Continuano ad avere il segno positivo, invece, le costruzioni che programmano 50mila entrate nel mese (+3,5%) e 145mila nel trimestre (+6,2%). Ma sono soprattutto i servizi a determinare l’andamento positivo delle assunzioni per febbraio con circa 276mila nel mese (+8,6%) e 923mila nel trimestre (+13,1%). A creare maggiori opportunità di lavoro è il settore del commercio con 60.160 assunzioni programmate a febbraio (+16,6%) e circa 189mila nel trimestre (+18,9%), seguito dai servizi turistici con 58mila entrate nel mese (+4,1%) e 246mila nel trimestre (17,4%) e dai servizi alle persone con più di 49mila ingressi (+18,4%) e circa 150mila nel trimestre (+18,9%).

Difficoltà di reperimento

Il Bollettino del Sistema informativo Excelsior mostra la difficoltà di reperimento di 201mila profili professionali (pari al 49,3% del totale delle assunzioni programmate), in particolar modo, a causa della “mancanza di candidati” (31,3%), seguita da “una preparazione inadeguata” (14,4%) e da “altri motivi” (3,6%). A risentire maggiormente del ‘mismatch’ sono le industrie del legno e del mobile (65,5% dei profili ricercati è di complicato reperimento), le imprese della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (62,0%), le industrie tessili, abbigliamento e calzature (61,2%), le imprese delle costruzioni (58,9%) e le imprese della meccatronica (57,3%). Più nello specifico, secondo il Borsino delle Professioni risultano difficili da reperire sul mercato gli operai qualificati addetti a: rifiniture delle costruzioni (70,7%), fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori di carpenteria metallica (70,5%), meccanici artigianali, montatori, riparatori, manutentori macchine fisse e mobili (69,8%), tecnici della gestione dei processi produttivi di beni e servizi (68,9%), fabbri ferrai costruttori di utensili (68,1%), operatori della cura estetica (66,2%) e i tecnici in campo ingegneristico (66,1%).

I contratti proposti

A livello territoriale, sono quasi 128mila le entrate previste nelle regioni del Nord-ovest, seguite dalle regioni del Sud e delle isole (104mila), dal Nord-est 93.500, un’area che manifesta la maggiore difficoltà di reperimento pari al 55,3% e le regioni del Centro con 82mila assunzioni programmate. I contratti proposti ai lavoratori per febbraio sono in maggioranza a tempo determinato (51,9% del totale), mentre i contratti a tempo indeterminato sono attesi per 82mila assunzioni (20,1% del totale). Infine, sale a quota 82mila il numero delle assunzioni di personale immigrato previste dalle aziende (circa il 20% delle entrate), specialmente nei servizi operativi di supporto alle imprese e alle persone, nei settori di trasporto, logistica e magazzinaggio e costruzioni, settori nei quali la quota riguarda un terzo dei fabbisogni.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Addio posto fisso, adesso si tenta la fortuna con il digitale

Redazione

C’erano una volta i politici

Alessia Napolitano

A febbraio 320 mila assunzioni previste dalle imprese

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.