lunedì, 15 Aprile, 2024
Agroalimentare

Agricoltura in difficoltà, Coldiretti: “Da invasione di specie aliene danni per un miliardo di euro a campi e vivai”

L’Italia si trova ad affrontare una minaccia sempre più grave e diffusa: l’invasione di insetti e organismi alieni, una conseguenza diretta dei cambiamenti climatici e della globalizzazione degli scambi commerciali. Sono fenomeni, questi, favoriti da controlli scarsi alle frontiere dell’Unione europea e che hanno causato danni ambientali, paesaggistici ed economici stimati in oltre un miliardo di euro, secondo un’analisi della Coldiretti presentata a Myplant&Garden in collaborazione con Assofloro. Uno dei principali colpevoli è la Popillia japonica, un coleottero giapponese altamente polifago che sta devastando tappeti erbosi, vigneti, piante da frutto e ornamentali in Piemonte e Lombardia. Nel frattempo, il caldo ha favorito la proliferazione degli insetti dannosi nei boschi dell’arco alpino, tra cui il Bostrico Tipografo, responsabile della morte di alberi come abeti rossi, larici, abeti bianchi e pini silvestri in poche settimane. Ma la minaccia non si ferma qui: la Xylella, importata con piante tropicali dall’America latina, ha già contagiato oltre 21 milioni di piante in Italia, causando una devastazione degli uliveti che ha lasciato il 40% della regione Puglia infettata e ha causato la perdita di migliaia di posti di lavoro nella produzione di olio extravergine di oliva.

Guerra biologica

Anche le castagne sono state colpite duramente dal cinipide galligeno del castagno, originario della Cina, che ha causato la formazione di galle sulle piante. Anche se è stata avviata una guerra biologica contro questo insetto, è necessario del tempo per ottenere un efficace contenimento. Il punteruolo rosso, originario dell’Asia, è un’altra minaccia grave, soprattutto per le palme, mentre le piante aliene importate dall’estero possono diventare invasive, minacciando la biodiversità e l’economia. Il giacinto d’acqua, a esempio, colonizza corsi d’acqua, mentre la Panace di Mantegazza e il fiore di loto mettono a rischio altre specie vegetali. I florovivaisti italiani, impegnati a rendere più belli giardini, parchi e città, si stanno adoperando per preservare la biodiversità, ma chiedono una maggiore vigilanza e controllo sulle frontiere dell’Unione Europea. Sul tema il Presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, denuncia una politica europea troppo permissiva che consente l’ingresso di prodotti infetti senza le necessarie precauzioni, mettendo a rischio il reddito delle imprese italiane.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Acqua, 10mld di investimenti dalle utilities contro i cambiamenti climatici

Federico Tremarco

Economia in crisi, il grido d’allarme delle associazioni: “Adottare misure urgenti”

Maria Parente

Prandini (Coldiretti): “Troppo cemento e aree agricole ridotte”

Angelica Bianco

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.