giovedì, 22 Febbraio, 2024
Esteri

La controffensiva di Kyiv logora le forze armate russe

A più di tre mesi dall’inizio della tanto pubblicizzata controffensiva ucraina, le forze ucraine sono riuscite a liberare solo una porzione del territorio sotto occupazione russa e questo ha portato alcuni analisti ad esprimere delle riserve sul suo andamento. Tuttavia, il successo o il fallimento della campagna non possono essere misurati solo in chilometri quadrati. Al di là della linea del fronte, l’esercito ucraino sta riducendo costantemente la capacità della Russia di condurre una guerra e sta metodicamente creando le condizioni per futuri progressi. Questo risultato non è mai stato così evidente come in Crimea.

Nelle ultime settimane, l’esercito ucraino ha effettuato una serie di attacchi strategicamente significativi nella penisola di Crimea, che è sotto l’occupazione russa dall’inizio del 2014 e che funge da hub logistico chiave per l’attuale invasione. Queste operazioni consentono all’Ucraina di minacciare le linee di rifornimento dell’esercito russo nell’Ucraina meridionale, rendendo allo stesso tempo sempre più difficile per la marina russa mantenere una presenza nel Mar Nero nordoccidentale.

Utilizzando una combinazione di droni di produzione ucraina, missili da crociera forniti dall’Occidente e raid di commando, l’Ucraina ha colpito una serie di obiettivi di alto valore in Crimea, tra cui sistemi di difesa aerea russi, avamposti di comunicazione, hub di trasporto, aeroporti e depositi di munizioni. Secondo quanto riferito, numerosi attacchi hanno preso di mira alti ufficiali russi. La crescente frequenza di queste operazioni offensive ucraine in Crimea ha sconfessato le precedenti affermazioni russe che qualsiasi attacco alla penisola occupata avrebbe rappresentato una “linea rossa” per il Cremlino.

Alcuni dei recenti attacchi dell’Ucraina sul fronte della Crimea sono stati piuttosto spettacolari, tanto da guadagnare i titoli delle maggiori testati giornalistiche internazionali. A metà settembre, l’Ucraina ha colpito una nave da guerra e un sottomarino mentre erano sottoposti a lavori di riparazione nel porto di Sevastopol della flotta russa del Mar Nero. Secondo un aggiornamento dell’intelligence del Ministero della Difesa britannico, la nave da sbarco di Minsk è stata “quasi certamente distrutta funzionalmente” nell’attacco, mentre il sottomarino classe Kilo di Rostov sul Don “probabilmente ha subito danni catastrofici”. Inoltre, il compito di rimuovere i relitti dai bacini di carenaggio di Sevastopol richiederà probabilmente mesi, creando grandi difficoltà per la manutenzione della flotta.

Il 22 settembre l’Ucraina è andata ancora oltre, lanciando un audace attacco diurno al quartier generale della flotta russa del Mar Nero nel cuore di Sevastopol. Ciò ha provocato una serie di colpi diretti che hanno causato gravi danni all’edificio simbolicamente importante. Il successo dell’Ucraina è stato motivo di grande imbarazzo per Putin, mettendo in luce l’inefficacia delle difese aeree russe e sottolineando la vulnerabilità della flotta del Mar Nero. A dimostrazione dell’enorme rilevanza di questo obiettivo per Mosca, i media statali russi – controllati dal Cremlino – hanno tentato inizialmente di ignorare del tutto questo umiliante attacco.

Il costante esaurimento delle difese aeree russe sulla penisola di Crimea negli ultimi mesi potrebbe essere un’indicazione delle future intenzioni dell’Ucraina. Con i cieli sopra la Crimea occupata sempre più indifesi, l’Ucraina probabilmente cercherà di espandere gli attacchi ai trasporti e agli hub di munizioni della Crimea che sono di fondamentale importanza per lo sforzo bellico russo nell’Ucraina meridionale. Ciò potrebbe privare le forze russe di rifornimenti in un momento critico dei combattimenti in prima linea nelle regioni ucraine di Kherson e Zaporizhzhia.

Sebbene la situazione per le forze di occupazione russe in Crimea non sia ancora critica, le prospettive sono tutt’altro che promettenti. I rapporti seguiti al recente incontro alla Casa Bianca del Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy con il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden indicano che gli Stati Uniti si stanno ora preparando a fornire all’Ucraina, per la prima volta, missili da crociera ATACMS, anche se la portata esatta deve ancora essere annunciata. La consegna dei missili ATACMS consentirebbe all’esercito ucraino di colpire obiettivi in tutta la Crimea. L’Ucraina sta inoltre sviluppando nuovi potenti droni sottomarini che aumenteranno significativamente la minaccia per la flotta russa del Mar Nero. A questo punto, non ci sono dubbi sul fatto che l’Ucraina miri a rendere la Crimea insostenibile per l’esercito russo.

L’Ucraina ha preso l’iniziativa anche in mare, utilizzando droni navali innovativi per colpire navi da guerra russe. All’inizio di agosto, un attacco di droni navali ucraini ha danneggiato gravemente la nave da sbarco russa Olenegorsky Gornyak nel Mar Nero orientale, vicino alla base navale russa di Novorossiisk. L’attacco ha evidenziato la capacità dell’Ucraina di colpire obiettivi a centinaia di miglia dalla più vicina costa controllata dall’Ucraina. Secondo quanto riferito, anche numerose navi da guerra russe più piccole sono state danneggiate in attacchi simili negli ultimi mesi.

Questa campagna in corso contro la presenza navale russa nel Mar Nero è cruciale per gli sforzi di Kyiv volti a sbloccare i porti meridionali dell’Ucraina e riaprire un’ancora di salvezza economica per il commercio marittimo del Paese verso i mercati globali. Nonostante il blocco navale russo, le autorità ucraine hanno annunciato in agosto il lancio di un nuovo corridoio marittimo che corre lungo la costa occidentale del Mar Nero dalla città portuale di Odessa. La fattibilità di questo corridoio dipende dalla capacità dell’Ucraina di dissuadere le navi da guerra russe dall’intervento. Entro il 26 settembre, sette navi erano salpate da Odessa attraverso la nuova rotta marittima.

Le operazioni offensive sempre più ambiziose dell’Ucraina nella penisola di Crimea e nel Mar Nero fanno parte di un quadro di controffensiva molto più ampio. Parallelamente agli attacchi sul fronte della Crimea, l’Ucraina colpisce con crescente regolarità anche obiettivi all’interno della stessa Russia.

Gli attacchi di droni a Mosca sono diventati un evento quasi quotidiano negli ultimi mesi, costringendo l’esercito russo a ritirare i limitati sistemi di difesa aerea dalla prima linea in Ucraina per ridistribuirli nella capitale russa. La sospetta attività dei droni ucraini ha anche costretto ripetutamente gli aeroporti internazionali di Mosca a chiudere, causando danni economici e fornendo al pubblico russo un assaggio dello sconvolgimento del tempo di guerra. Ancora più significativo, una serie di attacchi di droni contro aeroporti nell’interno della Russia hanno portato alla distruzione di numerosi aerei da guerra.

I comandanti ucraini sono ben consapevoli che alla fine dovranno sfondare le difese della Russia e liberare l’intero Paese se desiderano garantire una pace significativa. Tuttavia, qualsiasi analisi della controffensiva ucraina in corso è incompleta senza la consapevolezza della più ampia campagna di logoramento attualmente in corso lontano dalle linee del fronte relativamente statiche nell’Ucraina orientale e meridionale. Il ritmo dell’avanzata ucraina rimane lento, ma gli sviluppi potrebbero rivelarsi altrettanto importanti nel determinare il futuro corso della guerra.

 

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Zelensky a Sanremo. Polemiche senza senso

Renato Caputo

Putin, il ruolo dell’Italia nei rapporti tra Russia e Nato

Angelica Bianco

Viaggio e nomine. Tajani blinda l’Ad Eni, Descalzi. “Ha lavorato bene”. Il ministro: Ucraina, c’è l’impegno degli Emirati

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.