giovedì, 22 Febbraio, 2024
Esteri

Nonostante il caldo record, oltre 1.300 migranti attraversano quotidianamente il confine con l’Arizona

Mentre il governatore del Texas Greg Abbott posiziona boe nel Rio Grande per rendere più difficile l’attraversamento del fiume per arrivare nel suo Stato, un numero crescente di migranti sta sfidando il caldo e il terreno pericoloso per attraversare l’Arizona. A lungo considerata l’area più pericolosa per arrivare al confine tra Stati Uniti e Messico, il settore di Tucson è ora anche il più trafficato. In media, più di 1.300 migranti arrivano ogni giorno, nonostante le temperature che regolarmente superano i 100 gradi. “Questo è un difficile ingresso per arrivare negli Stati Uniti – ha dichiarato Jim Chilton, allevatore di Arivaca, in Arizona, che vede regolarmente migranti attraversare i suoi 50.000 acri di terra –. Tutto è peggiorato. Ora c’è una popolazione migrante apparentemente imperterrita che attraversava il mio ranch”. La maggior parte dei migranti che cercano di attraversare la proprietà di Chilton sono uomini adulti single che cercano di eludere i controlli da parte della polizia di frontiera. In altre zone, come intorno a Nogales, le famiglie con bambini piccoli si stanno consegnando agli agenti per chiedere asilo. Agenti della Border Patrol a Nogales hanno arrestato un gruppo composto da 20 donne e bambini che avevano attraversato il confine al mattino, quando l’aria era ancora fresca. Una madre in viaggio stava dormendo in montagna con il figlio di 16 anni. Hanno deciso di costituirsi alla pattuglia di frontiera degli Stati Uniti perché erano esausti e non avevano niente da mangiare.

La preoccupazione

L’aumento di questi arrivi preoccupa soprattutto gli agenti della Border Patrol e i soccorritori, date le temperature di questa estate. “Il pericolo comune è il caldo – ha affermato Rios – oltre al rimanere senza acqua, per lunghi periodi di tempo, fuori dal terreno montuoso abituale”. John Russell, un agente della Border Patrol che pilota elicotteri Black Hawk per le operazioni aeree e marittime della Customs and Border Protection, ha raccontato che la sua unità ha recentemente ricevuto 26 richieste di aiuto in un solo giorno. Molti migranti che stavano cercando di attraversare il confine hanno chiesto aiuto durante la prima tempesta della stagione annuale dei monsoni dell’Arizona meridionale. “Hanno iniziato ad arrivare chiamate al 911 – ha detto Russell – Non siamo stati in grado di raggiungere tre persone a causa del tempo e della disponibilità degli aerei. Uno di questi è stato successivamente trovato morto. Non ce l’ha fatta. Ha ceduto al tempo”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Svimez: “Giovani calabresi emigrano, occorre rete di talenti”

Redazione

Centro Astalli sui migranti morti a largo di Lampedusa

Redazione

Lampedusa: al via la rimozione dei barconi abbandonati dai migranti

Federico Tremarco

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.