venerdì, 19 Aprile, 2024
Esteri

La Cina vuole mobilitare l’intero popolo della nazione nel controspionaggio

La Cina sta cercando di incoraggiare i suoi cittadini a unirsi in un lavoro corale di controspionaggio, inclusa la creazione di canali per segnalare attività sospette. Per il ministero della Sicurezza dello Stato, l’agenzia che controlla l’intelligence straniera e l’anti-spionaggio, tale compito, se ben eseguito, verrebbe premiato. L’idea verterebbe nell’istituire un sistema che renda ‘normale’ la partecipazione delle masse popolari al controspionaggio. L’appello per rendere popolare il lavoro anti spionaggio tra le masse è il frutto di un’espansione della legge cinese sul controspionaggio entrata in vigore a luglio. La legge, che vieta il trasferimento di informazioni relative alla sicurezza nazionale, ha allarmato gli Stati Uniti, affermando che le società straniere in Cina potrebbero essere punite per le normali attività commerciali. “La sicurezza politica è la massima priorità della sicurezza nazionale – ha scritto il ministro della Sicurezza di Stato, Chen Yixin, in un articolo su una rivista legale cinese -. È fondamentale salvaguardare la leadership e la posizione di governo del Partito Comunista Cinese e del sistema socialista”.

Arresti per spionaggio

Negli ultimi anni, il Paese del Dragone ha arrestato e detenuto dozzine di cinesi e stranieri sospettati di spionaggio, tra cui un dirigente della casa farmaceutica giapponese Astellas Pharma. Tra questi, il giornalista australiano Cheng Lei, accusato di aver fornito segreti di stato a un altro Paese. La dichiarazione del Ministero per la sicurezza arriva mentre le Nazioni occidentali, in particolare gli Stati Uniti, accusano la Cina di spionaggio e attacchi informatici. Accusa che Pechino ha respinto, definendo gli stessi Stati Uniti “l’impero dell’hacking”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Prima l’orso o prima l’uomo?

Riccardo Pedrizzi*

Cina: scoperti circa 107 milioni di tonnellate di petrolio greggio nella provincia di Henan

Francesco Gentile

Fondi Coesione: 530 milioni alla regione Marche per cittadini e imprese

Valerio Servillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.