martedì, 23 Luglio, 2024
Esteri

La privacy colpisce ancora, si annuncia maximulta per LinkedIn

Pochissimi giorni fa il Garante per la protezione dei dati personali irlandese ha comunicato a Microsoft “la bozza” di una sanzione per la violazione della privacy da parte di LinkedIn, noto social media in cui ci si scambia informazioni sul tema del lavoro e del business in generale. Su LinkedIn le persone condividono informazioni, si “pubblicizzano”, aggiornano costantemente il proprio curriculum, scrivono i propri pensieri e le proprie esperienze. Solo in Italia ci sono oltre 14 milioni di iscritti. Tale piattaforma è di proprietà di Microsoft.

Ebbene, il Garante irlandese ha anticipato a MS (Microsoft) che per aver fatto un utilizzo indebito dei dati ivi raccolti, è molto probabile arrivi una multa di 432 milioni di euro.

Per questo motivo, Microsoft ha ritenuto opportuno avvisare i propri investitori. Addirittura avvisare gli investitori. Perché? Perché non pagherà i dividendi che si attendono? Perché dover modificare “i servizi” offerti comporterà una notevole modifica dei margini di guadagno? Insomma, non è senza conseguenze una eventuale sanzione. Soprattutto, il territorio europeo è ancora il più ambìto, conteso, iconico di tutti. Alla faccia dei BRICS, degli States, di Dubai e tanti altri neo balzati alla gloria degli altari. L’Europa interessa, eccome. E meno male che qualche autorità si alza e la difende.

Abbiamo ricordato pochi giorni fa che Meta ha subito una multa di ben 1,2 miliardi di euro.
Siamo di fronte ad una battaglia, o forse una guerra. Quel che è certo è che si tratti di uno scontro e il campo di battaglia non è né Caporetto, né una Baia dei Porci, nè Waterloo: il campo di contesa sono i dati personali, abitudini, pensieri, opinioni, trend, contatti che dall’Europa partono gratis verso altri lidi, dove vengono analizzati e probabilmente anche influenzati. Quando si sa tutto o quasi di una persona, non è difficile portarla a fare una scelta piuttosto che un’altra.

Va anche ricordato che circa due anni fa il Garante per la protezione dei dati personali avviava un’istruttoria nei confronti di LinkedIn a seguito della violazione dei sistemi del social network che portò alla diffusione di dati degli utenti (compresi  ID, nominativi completi, indirizzi email, numeri di telefono, collegamenti ad altri profili LinkedIn e a quelli di altri social media, titoli professionali e le altre informazioni lavorative inserite nei propri profili dagli utenti).

A breve, aggiornamenti sull’ufficialità o meno di questa ennesima multa stellare, sempre sul tema privacy, sempre in Europa, e soprattutto sempre nei confronti di un colosso del web americano.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Nautica, crescita a due cifre. Stella (Confindustria): “Tutti i cantieri con ordini confermati”

Angelica Bianco

Colture tropicali in Italia: il clima modifica la mappa delle produzioni agricole

Maria Parente

Sangalli (Confcommercio): dal turismo estero 17 mld. incertezze sui voli

Leonzia Gaina

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.