mercoledì, 24 Luglio, 2024
Agroalimentare

Giansanti (Confagricoltura): nuovi modelli di sviluppo per l’agricoltura, il mondo chiede più cibo, puntare su ricerca e innovazione

Un fenomeno che mette in crisi le piccole imprese agricole: prezzi giù per chi produce e prezzi alti per chi acquista. Una filiera che danneggia le attività produttive che già devono tener testa ai cambiamenti climatici e alla richiesta di più cibo.
“Assistiamo ad una discrepanza ormai consolidata tra i prezzi agricoli e quelli dei prodotti ai consumatori. Come dimostrano le recenti rilevazioni dell’indice Fao, mentre questi ultimi continuano a crescere, i primi calano”. La denuncia arriva dal presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti durante un confronto tenuto a Viterbo che ha chiuso il ciclo di appuntamenti preliminari al Food System Summit, in programma a Roma, nella sede della FAO, dal 24 al 26 luglio.

Sale la richiesta di cibo

Un altro tema affrontato da Giansanti è quello della crescita della domanda di cibo e della conseguente necessità di aumentare la produzione agricola. Megatrend che vedono coinvolte tutte le economie mondiali. “Nel prossimo decennio dovremo aumentare la produzione agricola media globale del 28%”, afferma Giansanti, “Ciò comporterà cambiamenti nell’assetto stesso del settore primario. Sarà, infatti, necessario stabilire su dove distribuire questo incremento e con quali strumenti e risorse. Non solo: a tale aumento non corrisponderà una crescita del numero di ettari di terreno coltivabili, anzi, il contrario”.

Clima tra siccità e alluvioni

Tema centrale della riflessione del leader della Confagricoltura è quello dei cambiamenti climatici. “L’anno che stiamo vivendo è stato davvero anomalo”, spiega Giansanti, “passando da siccità ad alluvioni che stanno mettendo in crisi intere produzioni. Basti pensare che, anche se siamo a giugno, nelle campagne italiane non c’è ancora una sola mietitrebbia in azione”.

Emissioni ridotte del 20%

Il sistema primario deve essere parte della soluzione, come lo è stato fino ad oggi. “A livello mondiale, nell’arco di 30 anni il settore agricolo ha ridotto le emissioni pro capite del 20%”, ha detto Giansanti, “Secondo un recente studio dell’Università di Oxford, negli ultimi 10 anni in Italia le attività zootecniche hanno contribuito a raffreddare l’atmosfera con un risparmio di 49 milioni di tonnellate di CO2. Numeri”, aggiunge, “che dimostrano che il modello agricolo italiano è tra i più avanzati”.

La ricerca ci aiuterà

In questo quadro si inseriscono il processo di transizione ecologica e l’applicazione della ricerca di base al miglioramento delle specie vegetali e animali. Riferendosi all’emendamento sulle Tecniche di Evoluzione Assistita recentemente approvato, il presidente di Confagricoltura auspica. “Spero che adesso l’iter di conversione in legge non incontri ostacoli. L’apertura alla ricerca genomica è importante”, puntualizza infine Giansanti, “e trova preparate le università italiane che, nonostante il lungo periodo di oscurantismo che abbiamo vissuto, non hanno smesso di lavorare e trovare soluzioni che miglioreranno quantità e qualità dei nostri prodotti. E per questo dobbiamo ringraziarle”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Le vignette di Alex

Alex Di Gregorio

Giornata Mondiale dell’Ambiente, l’Onu: “In tutto il mondo un cocktail tossico di inquinamento”

Chiara Catone

Utilitalia, filiera rifiuti organici decisiva per l’economia circolare

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.