domenica, 26 Maggio, 2024
Cultura

In Italia troppi pochi musei dedicati ai più giovani

Prima della pandemia, in Italia si era raggiunto un formidabile obiettivo educativo perché bambini e ragazzi risultavano tra i maggiori fruitori di musei e mostre, anche se solo 4 su dieci presentavano attività specificamente dedicate a loro. Con le restrizioni il numero delle visite hanno inevitabilmente subito un crollo, in leggera ripresa già a partire dal 2021.Secondo una indagine Istat le strutture museali, sia pubbliche che private, nel 2019, prima del virus, avevano sfiorato la cifra record di 130 milioni di ingressi.

Nel 2020, a causa delle restrizioni, i visitatori sono scesi a circa 36 milioni, risaliti sopra la soglia dei 48 milioni nell’anno successivo, man mano che si allentavano le misure per l’emergenza sanitaria, con un aumento del +35%. A testimonianza, secondo uno studio di Openpolis, elaborato in collaborazione con l’Associazione “Con i bambini”, di quanto l’epidemia abbia impattato sulla vita culturale degli italiani, in particolar modo su quella dei minori, i primi ad abbandonare i luoghi della cultura, ma anche quelli che avevano dimostrato fino ad allora un maggiore interesse, anche grazie alle scuole.

I bambini e i ragazzi i maggiori frequentatori dei musei

Dallo studio, infatti, si apprende che nel 2019 oltre la metà dei ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 17 anni aveva dichiarato di aver visitato luoghi culturali. In particolare, Tra quelli compresi tra i 6 e i 10 anni la quota raggiungeva il 46,8%, mentre tra quelli dagli 11 e ai 14 anni la quota era addirittura del 54%,molto più della media del totale della popolazione (31,8%) e facendo dei minori la fascia demografica che di gran lunga visitava di più musei, monumenti, mostre e aree archeologiche. Ciononostante, l’offerta a loro dedicata lascia di molto a desiderare, concorrendo a una certa povertà educativa nel nostro Paese.

I più virtuosi, Trentino, Lombardia, Emilia Romagna, Umbria e Toscana

Nel sito di Openpolis si legge che in media circa 4 musei su 10 sono a loro dedicati. Nel 2021 il 41,1% delle strutture ha proposto laboratori didattici rivolti a bambini, ragazzi e scolaresche e il 41,4%si sono rivolti ai più piccoli. I più virtuosi si trovano per lo più al Centro-Nord d’Italia. Nella provincia autonoma di Trento e in Lombardia oltre la metà dei musei ha svolto laboratori e dispone di percorsi per la fruizione dei minori (rispettivamente il 58,5% e 50,7%). Le altre Regioni con più musei adeguati alle esigenze educative dei minori sono Emilia Romagna, Umbria e Toscana, dove oltre il 45% delle strutture ha laboratori e percorsi didattici specifici. Percentuali da cui sono molto lontani altri territori, nel Mezzogiorno e non solo.

Passando in Sicilia la media dei musei dedicati ai bambini scende a 1 su 5. È la Regione in cui meno strutture dichiarano l’offerta di laboratori (21,8%) e percorsi didattici (23,2%). Ma anche in Campania i laboratori sono presenti in meno di un terzo dei musei (31,7%), così come in Basilicata (31,0%) e Molise (29,4%). Deficitarie, però, anche la provincia autonoma di Bolzano (28,7%) e la Valle d’Aosta (28,3%). Occorre anche notare che man mano che ci si allontana dai centri principali l’offerta didattica rivolta a bambini, ragazzi e scuole diminuisce drasticamente.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Domenica a Roma la possibilità di visitare gratuitamente 8 musei civici

Marco Santarelli

Cabina regia Pnrr, 9 miliardi per la ricerca

Ettore Di Bartolomeo

Giovanni Palatucci, “Giusto tra le Nazioni”. Guiducci: nuovi documenti in Croazia e Australia

Domenico Della Porta

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.