martedì, 23 Luglio, 2024
Agroalimentare

Confagricoltura: Ue, sulle scelte agricole troppe divisioni e derive ideologiche

“Quale la posizione europea sulla Politica agricola comune?”. È la domanda che si pone la Confagricoltura che sottolinea le divergenze tra i Paesi che si riproducono poi nelle Commissioni e tra commissari. La Confagricoltura chiede inoltre spiegazioni, “sul ruolo e sulle prospettive del settore agricolo?”.

Posizioni contrastanti

“La domanda”, osserva la Confederazione, “viene spontanea dalla lettura dei discorsi pronunciati di recente, nello stesso giorno, da due componenti dell’Esecutivo di Bruxelles che hanno espresso posizioni contrastanti tra loro”.
La Confagricoltura elenca le divergenze. “Cominciamo con il vicepresidente, Frans Timmermans, che ha partecipato alla conferenza sulla sostenibilità organizzata dal ministero tedesco dell’Agricoltura. Nel suo intervento, Timmermans ha sottolineato che ‘l’attuale sistema ha portato a un eccessivo affidamento sui fertilizzanti sintetici e sui mangimi importati’. Gli agricoltori”, ha inoltre aggiunto, ‘sono intrappolati in un sistema che avvantaggia pochi eletti. Per favore, lasciate che la scienza ci guidi”.

Rinvio del regolamento Tea

La Confederazione inoltre puntualizza che, passando in rassegna le prossime proposte legislative della Commissione, “non ha fatto riferimento al progetto di regolamento sulle Tea (tecniche di evoluzione assistita) che, stando al calendario ufficiale dei lavori, dovrebbe essere presentata a fine giugno”.

Approvvigionamento sicuro

Il commissario Ue all’Agricoltura, Janusz Wojeciechowski, annota la Confederazione, “ha invece fornito una visione completamente diversa, in occasione della conferenza sullo stato dell’Unione che s’è tenuta a Firenze”.
“Grazie al lavoro dei nostri agricoltori, nell’Unione europea godiamo di un approvvigionamento sicuro di alimenti nutrienti e di alta qualità”, ha esordito così il commissario che ha va poi osservato: “La resilienza della filiera è stata messa a dura prova dalle conseguenze della pandemia e dall’invasione russa dell’Ucraina, ma i rifornimenti sono stati comunque garantiti. E non solo. Ai fini della sicurezza alimentare globale, è fondamentale”, ha ribadito Janusz Wojeciechowski, “anche il nostro ruolo di esportatori di prodotti agroalimentari”. Il 26 % del grano esportato lo scorso anno dall’Ue è stato destinato all’Africa Subsahariana.
“La produzione di cibo dipende dagli agricoltori”, ha sottolineato il commissario.

In Commissione visioni diverse

La diversità delle posizioni e della visione dei due esponenti della Commissione è così per la Confederazione “pienamente manifesta”. Da tempo osserva ancora Confagricoltura sostiene che in seno all’Esecutivo UE è prevalsa una deriva ideologica disancorata dalle questioni legate alla tutela del potenziale produttivo dell’agricoltura europea. “Basti pensare alle proposte di regolamento sulla riduzione dell’uso di fertilizzanti”, sottolinea la Confederazione, “all’equiparazione di gran parte degli allevamenti alle industrie inquinanti, alla revisione delle regole sugli imballaggi che penalizzano il riutilizzo, a vantaggio del riciclo che vede l’Italia ai primi posti in ambito mondiale”.

Fermare la deriva “ideologica”

Nei contatti con il governo e con il mondo politico, in Italia e a Bruxelles, Confagricoltura sta premendo per bloccare il processo decisionale sulle proposte appena ricordate. “A partire dai primi mesi dell’anno venturo, l’attività istituzionale sarà rallentata in vista delle elezioni, a maggio, per il rinnovo del Parlamento europeo e per l’insediamento, ad ottobre, della nuova Commissione”, fa presente la Confederazione, “Potrebbero crearsi così le condizioni politiche per aprire un capitolo nuovo. Non vanno rimessi in discussione gli obiettivi della sostenibilità e della transizione ecologica, ma ridato il giusto spazio ai pareri scientifici, alle valutazioni d’impatto, alla neutralità tecnologica, alla corretta e trasparente informazione dei consumatori”. Con una scelta di fondo che, conclude Confagricoltura “propone fin d’ora: riconoscere la produzione agricola come bene pubblico, da cui dipende in larga parte la coesione sociale e la stabilità politica”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Confagricoltura e Assoverde insieme per i “parchi della salute”

Gianmarco Catone

Decreto semplificazioni, auspicabile convergenza tra i partiti sul superbonus

Angelica Bianco

L’unità politica del riformismo vista da sinistra

Maurizio Merlo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.