sabato, 15 Giugno, 2024
Europa

In Europa, Cina e Usa è allarme siccità

In Italia, secondo il rapporto diffuso dall’Istat in occasione della Giornata mondiale dell’acqua, le perdite nella fase di distribuzione idriche sono ammontate a 3,4 miliardi di metri cubi che corrispondono al 42,2% dell’acqua immessa in rete. La situazione non è migliore, ad esempio, in Francia. Annunciando nei giorni scorsi il Piano nazionale per l’acqua, che prevede una riduzione dei consumi del 10% entro il 2030, il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, ha messo in evidenza che, a livello nazionale, “si perde un litro d’acqua ogni cinque immessi negli acquedotti”. E solo l’1% dell’acqua usata viene trattata e riutilizzata.   Sono stati varati ambiziosi programmi di investimenti in Italia, Francia e Spagna, facendo anche ricorso ai fondi dei Piani nazionali di ripresa e resilienza (PNRR). Al riguardo, destano preoccupazione i rilievi formulati dalla Corte dei conti sulle iniziative programmate dall’Italia. In una delibera licenziata nei giorni scorsi sono state evidenziate “numerose e rilevanti criticità”. È stata riscontrata, si legge nel testo della Corte, “notevole incertezza nella concreta definizione degli obiettivi “. L’auspicio è che le questioni sollevate dalla Magistratura contabile siano risolte in tempi brevi, anche nell’ambito della revisione in corso del PNRR. Anche gli ingenti danni provocati negli ultimi giorni dalle piogge torrenziali in Emilia-Romagna sono in parte dovuti alla siccità; perché i terreni inariditi hanno una minore capacità di assorbire l’acqua piovana, che arriva in quantità notevoli in breve tempo.   Confagricoltura ha già chiesto un aumento di 500 milioni di euro del Fondo per le pratiche innovative. È indispensabile incentivare gli investimenti delle imprese per l’acquisto di tecnologie idonee ad ottimizzare l’impiego delle risorse irrigue e contrastare le conseguenze del cambiamento climatico. Inoltre, è stata ottenuta una proroga al 15 giugno della scadenza per la presentazione delle domande relative agli aiuti della PAC, la massima flessibilità negli adempimenti in materia di condizionalità, ecoschemi, rotazioni obbligatorie e destinazione non produttiva dei terreni.   L’allarme per la siccità sale a livello globale. In Cina, le autorità sono state costrette ad intervenire per “stimolare” artificialmente la pioggia con la diffusione di ioduro d’argento nell’atmosfera. Con la carenza di piogge stanno facendo i conti anche gli agricoltori statunitensi. Già nell’estate del 2022 fu emanato un avviso di siccità a livello nazionale a fronte delle scarse precipitazioni e delle temperature più alte da sessant’anni. Negli ultimi mesi dell’anno passato, la portata d’acqua del Mississippi era ridotta al punto da rendere difficili, e quindi più costose, le esportazioni di mais verso i Paesi terzi. I prezzi al consumo delle carni bovine hanno intanto raggiunto il livello più alto da oltre dieci anni, a causa della riduzione dei capi allevati dovuta alla scarsità e all’alto prezzo raggiunto dai foraggi. Cresce l’apprensione dall’Africa Subsahariana all’Unione europea dove Italia, Spagna e Francia sono tra gli Stati membri più colpiti.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

EuroMed. Fondazione Anna Lindh: contro i cambiamenti climatici e l’inquinamento del Mediterraneo

Francesco Gentile

La zootecnia chiede innovazione e sviluppo green

Francesco Gentile

La siccità in Italia provoca ritardi nello stoccaggio del gas

Angelica Bianco

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.