mercoledì, 8 Febbraio, 2023
Società

Tik Tok e la protezione dei minori: faro del Garante  

Disco rosso dal Garante per la protezione dei dati personali a Tik Tok: L’Autorità guidata da Pasquale Stanzione, con un provvedimento d’urgenza del luglio scorso, ha avvertito la piattaforma che è illecito utilizzare dati personali archiviati nei dispositivi degli utenti per profilarli e inviare loro pubblicità personalizzata in assenza di un esplicito consenso.

Privacy e minori

Durante l’estate, infatti, il popolare social network (specie tra i giovanissimi) aveva informato i propri utenti che, a partire dal 13 luglio, le persone maggiori di 18 anni sarebbero state raggiunte da pubblicità “personalizzata”, basata cioè sulla profilazione dei comportamenti tenuti nella navigazione su TikTok.  E, di conseguenza, aveva modificato la sua privacy policy prevedendo come base giuridica per il trattamento dei dati non più il consenso degli interessati, ma non meglio precisati “legittimi interessi” di Tik Tok e dei suoi partner.

Troppo, secondo il Garante che, in una riunione di emergenza, aveva immediatamente disposto l’avvio di un’istruttoria sulla modifica della privacy policy, e chiesto contestualmente informazioni al social network. Sulla base degli elementi forniti dalla Società, l’Autorità ha concluso che tale mutamento della base giuridica  risulta incompatibile con la Direttiva europea 2002/58 (la cosiddetta direttiva “ePrivacy”), e con l’art. 122 del Codice in materia di protezione dei dati personali (che ne dà attuazione), norme che prevedono espressamente come base giuridica “per l’archiviazione di informazioni, o l’accesso a informazioni già archiviate, nell’apparecchiatura terminale di un abbonato o utente” esclusivamente il consenso degli interessati.

Il passo indietro di Tik Tok

Oltre alla base giuridica inadeguata, il Garante ha messo in luce un aspetto che desta particolare preoccupazione e che riguarda la tutela dei minori iscritti alla piattaforma. Le attuali difficoltà mostrate da TikTok nell’accertare l’età minima per l’accesso alla piattaforma – ha osservato l’Autorità – non consentono infatti di escludere il rischio che la pubblicità “personalizzata” basata sul legittimo interesse raggiunga i giovanissimi, con contenuti non appropriati.

A seguito dell’avvertimento del Garante Privacy, Tik Tok ha sospeso il criterio del “legittimo interesse” come base giuridica per la pubblicità “personalizzata”, e sospeso ogni azione in tal senso, con grande soddisfazione del Garante. E di tutta l’infanzia ipertecnologica.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Papa Francesco: “Imparare a farsi da parte al momento opportuno”

Martina Miceli*

Confartigianato: le famiglie risparmiano solo con servizi a vocazione artigiana

Leonzia Gaina

Torna il medico scolastico? CIU e CNEL lavorano ad una proposta di legge

Alessandro Alongi

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.