sabato, 24 Ottobre, 2020
Attualità

Altro che sardine e pesciolini di cartone

Sponsor

Creare valore economico. Il punto nodale di tutta “la Discussione” politica si incentra sulla creazione di valore. Certo, anche i valori civili e sociali hanno il loro peso ma di fronte alla povertà e all’impossibilità di trovare un lavoro o all’angoscia di perderlo, questi altri valori passano in secondo piano.

Purtroppo si è dematerializzato troppo e non abbiamo saputo governare l’incalzante progresso tecnologico. Siamo entrati dentro l’intangibile e il web, senza renderci conto che la vera forza di un Uomo e di una Nazione è il “lavoro”. 

Avevamo iniziato a ragionare di autoimprenditorialità, imprenditivi e imprenditori ma non abbiamo fatto in tempo a diffondere la cultura del lavoro umano. Neppure l’Enciclica di Giovanni Paolo II c’è riuscita. Ed eravamo nel 1981. 

Abbiamo, purtroppo, addirittura considerato il lavoro quasi un disvalore: chi deve lavorare per vivere, non è un uomo da invidiare.

Rincorrere la felicità dell’effimero chi ha disorientati.

Ora quelli che pensano di essere i più saggi, organizzano fraseggi belli da sentire e da ripetere in cronaca, ma la responsabilità è anche loro. Nessuno può tirarsi fuori dal problema. Come nessuno può dire di aver fatto il massimo, anche votando. Andare a votare è un valore e un lavoro necessario. Ci auguriamo che gli astensionisti capiscano che il loro voto è utile e indispensabile, qualunque esso sia.

Non c’è il diritto all’astensione e all’irresponsabilità. Troppo facile dire che tanto sono tutti uguali. Non è vero. Gli astensionisti, sono tutti uguali e omologati al non pensiero. 

L’Italia dovrà destarsi, alle prossime elezioni, sia regionali che nazionali. I politici dovranno sforzarsi di fare programmi attuabili e non semplicemente appetibili. Ma gli Italiani devono tornare a votare, tutti. Perché se si affonda si affonda tutti, compresi coloro che con senso di ingiustificata superiorità, non sanno neppure più dove sta la loro scheda elettorale, tanto tempo è passato dall’ultima volta che l’hanno avuta in mano.

Ognuno è responsabile di quello che succede a tutti. L’indifferenza ci sbrana e ci uccide.

Se negli anni cinquanta si vedeva per strada un litigio, soprattutto tra un uomo e una donna, tutti correvano e si davano da fare; oggi, di fronte alla stessa scena, non interviene più nessuno, anzi, ci si allontana velocemente. E se ci fosse tua moglie in quella lite? O tua figlia? O tua madre?

Non possiamo scherzare con la solidarietà. Noi  aspettiamo ancora che gli studenti e i lavoratori tutti, diano un segnale tangibile del loro dissenso ai loro colleghi lavoratori dell’ex ILVA e dell’ex Alitalia. Altro che sardine e pesciolini di cartone. Altro che alzare cori contro l’uomo nero. Occorre mettersi seduti a studiare i problemi reali e avanzare proposte da qualunque luogo e con qualunque mezzo. Non basta più solo commentare e criticare. 

Che si fa? Apriamo questa  sacrosanta “Discussione”?

Articoli correlati

Puliamo il mondo: tre giorni con i volontari d’Italia per raccogliere i rifiuti abbandonati. Dall’Ue un progetto contro i razzismi

Maurizio Piccinino

Piove sul governo. Tutti scappano e resterà solo Zingaretti a prendersi tutta l’acqua?

Carlo Pacella

Il vecchietto dove lo metto

Antonio Domani

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni