mercoledì, 7 Dicembre, 2022
Considerazioni inattuali

Scrivere il falso

“Chi parla male, pensa male e vive male”Palombella rossa di Nanni Moretti insegna che, appunto, “le parole sono importanti”. Perché parlare bene, scrivere bene significa pensare bene: ovvero, quando la forma si fa sostanzaScrivere bene e parlare bene non è un esercizio di forma: in quelle parole ben dette e ben fatte è implicita la verità etica del pensieroSe ciò che diciamo infatti non l’abbiamo prima necessariamente assunto, non risulterà ben detto e dunque si spoglierà della sua forza comunicativa e del suo stesso senso.

LA PROPRIETA’ DEL MEZZO

Quando scriviamo la verità, ciò che conosciamo da vicino, il mittente infatti lo avverte: il lettore lo comprende. Quando invece il concetto scritto o detto è falso, anche la sua forma sembra artefatta, proprio come il suo contenuto. Colui che scrive, utilizza – per trasmettere forzatamente quella menzogna e quindi ciò che non conosce – mezzi non suoi: formule standard derubate, ricopiate migliaia di volte. Se infatti conoscesse ciò di cui parla, il suo risulterebbe un concetto originale e dal brillante potere comunicativo. Infatti la verità si serve al contrario sempre ed unicamente di mezzi originali, appartenenti ad un unico stile: ad una forma estetica che dell’etica si rende madre, assumendone per questo quasi completamente i tratti.

IL SOGNO CONCRETO

Ecco perché, e lo scrivo nella (ormai quasi vana) speranza che magari porti consiglio a qualcuno e possa rendersi un valido sprone ed occasione di “redenzione”: se scrivete il falso, sarà naturalmente avvertito come tale. All’inizio magari solo a livello istintivo e poi razionalmente e completamente. E significherà scrivere, dire, fare male: in tutti i sensi. Infatti chi dice il male del prossimo, chi insiste nella menzogna, molto spesso non lo sa neanche fare: rendendosi maldestro artefice di pettegolezzi da strapazzo e facilmente confutabili. Per questo non ho mai considerato ingenuo o addirittura utopico il mio sogno (errata corrige: meta) di verità: perché il male, il falso non si comunica, è del tutto privo di forza persuasiva: di forma e di sostanza – perché, ancora: “Chi parla male, pensa male e vive male” e scrive pure male.

Sponsor

Articoli correlati

Fisco: ecco che i nodi arrivano al pettine

Federico Tedeschini

Mattarella-Draghi la conferma del tandem piace ai mercati

Diletta Gurioli

Il freno della Bce non spaventa i mercati

Diletta Gurioli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.