martedì, 23 Luglio, 2024
Considerazioni inattuali

Il dono di Luca

“A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più” (Lc 12,39-48). Leggo il Vangelo secondo Luca, il passo nel quale ho sempre creduto: perché è naturale ed è sacrosanto che chi è di più, debba fare di più, debba dare di più, debba spendersi per sé e per l’altro. Non si tratta di un principio materiale o fisico, piuttosto di un dogma spirituale che attiene appunto all’essere e che poco ha a che fare con l’avere.

IL TALENTO ATEMPORALE

Infatti possedere dei beni materiali in più degli altri, è una condizione di per sé immateriale, caduca, fittizia, temporale; mentre essere di più è una condizione di partenza, senza tempo: eterna come un talento, un dono in potenza che diverrà atto con la crescita e la formazione dell’individuo e che resterà parte fondativa del sé. È per questo che da chi possieda un dono, un talento, una speciale essenza, si pretende il massimo dell’impegno: perché non lo bruci, non lo sprechi e non faccia torto a chi quel grande potenziale non l’ha ricevuto.

IL POTENZIALE FITTIZIO

Esiste chi in effetti un potenziale lo costruisce tramite lo studio, lo sforzo, la volontà, e ancor più spesso per mezzo della rabbia, dell’invidia verso il talento naturale e chi ce l’ha. Eppure quel potenziale non sarà mai simile a quello donato, viscerale, unico – sarà sempre una copia, una forzatura: e perciò in quanto tale effimera, fugace, momentanea. Ecco, a quelli che il talento lo imitano, lo fingono compiendo una sorta di falso ideologico dell’etica, non è richiesto niente. Niente di più di quello che in partenza, dal principio della vita, già sono. E neanche li si biasima: a loro tutto è concesso, perché proprio quel tutto in principio gli è stato negato.

NON DARE NON È UN VANTAGGIO

A questi non è richiesto di dare più degli altri, da loro non si pretende nulla: null’altro che la loro ambizione. E tutto ciò che ottengono, è tanto di guadagnato: non hanno niente da perdere e tutto è già qualcosa. Qualcosa di più. Perché il cosiddetto vantaggio di partire senza niente, sta proprio nel fatto che niente si debba restituire, né a sé stessi né al prossimoE forse sta proprio qui lo sbaglio: nel considerarlo un vantaggioNon dover dare nulla, non dover dimostrare, non avere niente da donare non è un vantaggio: non è un guadagno. È una perdita: la più grande delle mancanze, il più profondo dei vuoti. Quanto sprecare un talento: non ri-donarlo al di fuori perché si manifesti, sia utile all’altro e al contempo venga riconosciuto nel suo spirito di offerta.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Di Silverio (Anaao-Assomed): emergenza per i medici aggrediti. Violenze inaccettabili

Valerio Servillo

TikTok. La cultura di massa riparte dalla libreria

Luca Sabia

Anche la finanza guarda alla COP26

Diletta Gurioli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.