lunedì, 1 Marzo, 2021
Esteri

Iraq: tragico epilogo delle manifestazioni popolari

Sponsor

Le forze di sicurezza irachena hanno brutalmente colpito i manifestanti con una pioggia di gas lacrimogeni e proiettili sparati ad altezza uomo. Dall’inizio delle proteste ad ottobre le vittime sono state più di 319 e i feriti ammontano a circa 15.000. Il Paese è attraversato da una crescente ondata di protesta contro la disoccupazione, la corruzione dilagante e l’incapacità del governo di Baghdad di garantire alla popolazione l’accesso ai servizi essenziali. Le proteste nascono principalmente per la forte corruzione del governo e la sua inettitudine in generale, cresciute anche a causa dell’elevata disoccupazione giovanile e come reazione contraria alla crescente influenza iraniana in Iraq. Una simile situazione, non solo costituisce motivo di grande preoccupazione, ma soprattutto rischia di mettere a dura prova il governo del primo ministro Adel Abdul Mahdi. I manifestanti infatti chiedono le dimissioni del governo e le elezioni anticipate.

La scorsa settimana, i manifestanti hanno occupato tre ponti nel centro di Baghdad tenendoli come punti focali per far in modo che le manifestazioni si diffondessero in tutto il paese e si potessero intensificare, bloccando anche l’accesso al porto strategico di Umm Qasr. Il centro delle proteste e il punto di incontro dei manifestanti rimane Tahrir Square a Baghdad, sebbene le proteste si siano svolte anche a Najaf, Karbala, Hilla e Kut. Per attenuare le proteste, fondamentale è stato bloccare l’uso di Internet e l’accesso ai social media. Vietando ai civili l’accesso ad Internet il governo è riuscito a limitare gli strumenti che i manifestanti avrebbero potuto utilizzare per organizzare, coordinare e documentare la gamma di reati violenti. Il governo iracheno ha altresì istituito dei blocchi stradali e il coprifuoco in tutto il Paese nel tentativo di reprimere la libertà di movimento dei manifestanti stessi.

In tutto il sud dell’Iraq, incluso Bassora – roccaforte del potere politico per l’influente radicalismo religioso di Moqtada al-Sadr – le forze di sicurezza si sono scontrate con i manifestanti vicino agli edifici governativi. Anche la città di Karbala ha assistito a diversi scontri feroci tra manifestanti e forze di sicurezza. Il governo iracheno sta perseguendo un disegno rigido di repressione della rivolta popolare che ha portato all’arresto di centinaia di manifestanti con l’intento di intimidire i civili mettendo a tacere in qualche modo le proteste. Un’altra potenziale minaccia che incombe sullo sfondo è la crescente rinascita del cosiddetto “Stato Islamico”, che cerca in ogni modo di sfruttare i disordini attuali a proprio vantaggio, mentre i militanti lavorano per riorganizzarsi in seguito alla morte del loro leader Abu Bakr al-Baghdadi.

Nel fine settimana, nella Missione di assistenza in Iraq (United Nations Assistance Mission in Iraq – UNAMI) le Nazioni Unite si sono adoperate per mediare tra il governo e il popolo iracheno presentando una tabella di marcia che delinea una via d’uscita dall’attuale disordine politico e ha anche chiesto il rilascio di tutti i manifestanti detenuti. Nella proposta, l’UNAMI ha messo in evidenza una serie di iniziative anticorruzione e procedure di riforma elettorale. Ma ogni progresso dovrà essere unicamente iracheno per avere successo, con una vera condivisione del potere proveniente da alcune delle fazioni emarginate del Paese, come è accaduto con altri movimenti di protesta in tutto il mondo, tra cui il Sudan, l’Algeria,l’Egitto e il Libano. I progressi sono comunque lenti, con piccole concessioni del governo iracheno facilmente reversibili e soggette al rollback di strutture di potere radicate, dominate da élite politiche di lunga data.

Sponsor

Articoli correlati

Scalata ad ostacoli per Conte

Giampiero Catone

Un Paese che non può rilassarsi

Giuseppe Mazzei

Semplificare per procedere celermente

Giampiero Catone

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni