martedì, 23 Aprile, 2024
Ambiente

Le “isole” minori diventeranno “verdi” grazie al Pnrr

I 140 progetti di sviluppo sostenibile presentati dai 13 comuni delle 19 isole minori, grazie anche alla assistenza tecnica messa a disposizione dal ministero della Transizione Ecologica e da Cassa Depositi e Prestiti, assorbiranno tutte le risorse del PNRR per il Programma “Isole Verdi”.

Gli interventi che riguardano la produzione di energia da fonti rinnovabili e le risorse idriche impegneranno il 72% dei finanziamenti, seguiti dalla mobilità sostenibile, l’efficientamento energetico e la gestione del ciclo dei rifiuti urbani. L’obiettivo della misura è di superare i problemi legati alla mancanza di connessione con la terraferma, quelli di efficientamento energetico, lo scarso approvvigionamento idrico e il complesso processo di gestione dei rifiuti, intervenendo in modo integrato e specifico in queste aree caratterizzate da un elevato potenziale di miglioramento in termini ambientali ed energetici e trasformando le piccole isole in laboratori per lo sviluppo di modelli 100% sostenibili. I 13 comuni interessati sono l’Isola del Giglio, Capraia, Ponza, Ventotene, le Isole Tremiti, Ustica e Pantelleria, i tre comuni dell’Isola di Salina (Leni, Malfa e Santa Marina Salina), Favignana, Lampedusa e Lipari.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Bandi del Pnrr a rischio. Le anticipazioni del 10% una mina per Comuni e imprese

Carlo Pacella

Pnrr: su 102 mld spesi 45. Meloni: il lavoro non è finito

Stefano Ghionni

Cingolani: “Nel 2022 la vera svolta per l’energia”

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.