mercoledì, 5 Ottobre, 2022
Politica

Biden rafforza i legami con Ue e Londra. Mosca all’ambasciatore Usa: rottura vicina

L’Atlantico è più stretto
Montecitorio non è la Duma

Le due sponde, quella americana e quella europea,  dell’Oceano Atlantico non sono mai state così vicine, unite e determinate a non cedere a minacce della Russia che ha aggredito illegalmente uno stato sovrano nel cuore dell’Europa.

Se Putin pensava di allontanare gli Stati Uniti dall’Europa e di dividere i 27 membri dell’Ue, magari con ricatti simili a quelli rivolti contro l’Italia, ha sbagliato i conti. E non sono gli unici che non gli tornano.

Voleva indebolire un’Europa  addormentata e invece il vecchio continente  si è svegliato: ha  avviato il progetto di difesa comune che affiancherà  le attività della Nato e le rafforzerà;  sta definendo una politica energetica  coordinata per ridurre il prima possibile ed eliminare entro il 2027 del tutto la dipendenza da gas e petrolio russo. Bel risultato per il Cremlino  perdere un cliente di lusso.

Putin sperava anche di far breccia tra Unione Europa e Stati Uniti, illudendosi che Biden fosse, come il suo predecessore Trump, sprezzante e gelido nei confronti dell’Europa e poco convinto della utilità della stessa Nato

E si è sbagliato anche su questo punto. Gli Stati Uniti non lasceranno mai sola l’Europa e l’ombrello difensivo della Nato sarà più forte.

Sul piano diplomatico  Putin resta a mani vuote, perché la Cina, più che astenersi all’Onu sulla condanna dell’invasione non può fare: compromettersi diplomaticamente o, peggio, militarmente con un alleato scomodo e imbarazzante inquinerebbe il profilo di saggezza ed equilibrio che il gruppo dirigente cinese vuole offrire di sé al mondo: proteggere un guerrafondaio sarebbe un disastro d’immagine e anche economico per Pechino.

A Putin va male anche in Italia. Si sa che aveva lavorato bene per stringere rapporti di amicizia e ottenere scambi di informazioni con alcuni ambienti politici nostrani. Durante il primo Governo Conte, Putin era oggetto di  estese simpatie da parte di Lega e 5Stelle. Molta acqua è passata sotto i ponti e di quello stuolo di simpatizzanti putiniani è rimasto solo uno sparuto manipolo che vive ai margini di Lega e 5S , si ostina a mettere sullo stesso piano aggressore e aggredito e, in nome di una sorta di par condicio tra chi lancia le bombe sui civili e chi le subisce, vorrebbe che fosse “audito” a Montecitorio anche Putin. In realtà c’è un posto dove, se vogliono,  questi parlamentari possono andare ad ascoltare il loro amico. Ecco  l’indirizzo: ulitza Okhotnyy Ryad  (stazione della metropolitana Ploschad’ Revolyutsii (linea 3 – blu) 

Lì sorge, nel cuore di Mosca  il palazzo della Duma.

Sponsor

Articoli correlati

Conflitto generazionale. Da che parte stanno i sindacati?

Giuseppe Mazzei

Preoccupazione tra gli alleati di Putin per la mobilitazione

Lorenzo Romeo

Ospedali e pronto soccorso senza medici. Medicina a numero chiuso per gli studenti

Giampiero Catone

Lascia un commento