martedì, 23 Luglio, 2024
Esteri

Abuso di dati personali all’Europol: stop dal Garante europeo

Esiste un giudice anche a Bruxelles. Lo scorso 10 gennaio, l’European Data Protection Supervisor (l’equivalente europeo del nostro Garante privacy), ha reso pubblica la decisione con cui ha ordinato all’Europol, la celebre agenzia governativa per la sicurezza europea, la distruzione di una parte della sua gigantesca banca dati.

Il motivo che si cela dietro a questo particolare provvedimento sarebbe alquanto complesso, ma sostanzialmente riassumibile nel fatto che, nel corso degli ultimi sei anni, l’Europol avrebbe raccolto e conservato indiscriminatamente miliardi di dati sensibili sui cittadini dell’Unione Europea.

Le condotte contestate dal Garante europeo

Ad essere schedati nell’enorme database dell’agenzia governativa non ci sarebbero soltanto criminali o presunti tali, ma anche professionisti di spicco come avvocati, manager, giornalisti e attivisti.

A partire dal 2015, anno del tragico attentato al Bataclan di Parigi, il ruolo giocato da Europol nel contrastare il terrorismo internazionale si è rafforzato sempre di più, grazie anche ad un aumento dei fondi destinati all’agenzia di sicurezza e dei poteri che si è vista delegare.

Lo stop da parte dell’EDPS

Diverse operazioni di intelligence hanno avuto, come risvolto, quelle di far crescere a dismisura la banca dati dell’Europol. Seppur lodevoli, tali iniziative hanno acceso un faro sul patrimonio di dati e informazioni a disposizione dell’Agenzia.

Il cartellino rosso non è tardato ad arrivare. Proprio in virtù di tutto questo, l’EDPS ha ritenuto necessario agire per tutelare la privacy dei cittadini europei, ingiungendo ad Europol di cancellare una buona parte delle informazioni conservate nel suo immenso database. L’agenzia governativa avrà tempo fino al termine del 2022 per agire in tal senso, separando i dati personali raccolti in modo corretto da quelli detenuti invece illegittimamente. Il dibattito su sicurezza e protezione dei dati è solo agli inizi.       

 

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Stoppani (Confcommercio): crescita e produttività, la spinta del Pnrr va sostenuta con le riforme

Leonzia Gaina

La filosofia del mangiar sano rispettando il creato

Elisa Ceccuzzi

La decisione di Bruxelles. Assicurazioni auto e moto, si paga sempre anche se i veicoli sono fermi. Salvi per ora bici e monopattini elettrici

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.