giovedì, 25 Luglio, 2024
Agroalimentare

Aviaria, abbattuti 15 milioni di capi. Confagricoltura: aiuto alle imprese, le banche rispondono positivamente al nostro appello

C’è un’altra pandemia di cui non si parla ma i danni sono comunque ingenti. L’influenza aviaria ha prodotto un record negativo, con 15 milioni di capi abbattuti e danni economici rilevanti. “Alla luce del periodo di estrema criticità che il comparto avicolo sta affrontando”, evidenzia la Confederazione, che rende pubblica una iniziativa a sostegno delle imprese. “Confagricoltura si è rivolta nelle scorse settimane ai principali istituti di credito italiani sollecitando un’attenzione particolare alle imprese in difficoltà per l’influenza
aviaria”.

Le banche rispondono

All’appello della Confederazione hanno già risposto Crédit Agricole Italia, Unicredit, Banco Bpm, Intesa Sanpaolo, Bnl (gruppo Bnp Paribas) e Banca Popolare di Sondrio. “Il loro impegno prevede sostanzialmente tre tipi di interventi nell’ambito della liquidità finanziaria”, fa presente la Confederazione, “posticipo delle scadenze dei pagamenti di finanziamenti e prestiti, nuovi canali di finanza agevolata, riorganizzazione delle esposizioni e delle scadenze bancarie”. Confagricoltura accoglie con favore le iniziative e ringrazia le banche per la disponibilità e la tempestività con la quale hanno reagito alla richiesta di attenzione per un settore che ha già subito l’abbattimento di un numero assai elevato di capi, circa 15 milioni.

Influenza circoscritta

Al momento l’epidemia è circoscritta quasi esclusivamente alle regioni di Veneto e Lombardia. Stando ai dati dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, alla data del 27 gennaio sono 308 i focolai di aviaria accertati tra gli allevamenti e 18 nella fauna selvatica.
“I numeri”, conclude Confagricoltura, “sono fortunatamente in sostanziale stasi da circa due settimane, pertanto l’auspicio è che, in tali condizioni, ci sia un ulteriore allentamento dei blocchi ai riaccasamenti”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Incentivi per imprese e sviluppo. Aiutare chi crea lavoro stabile

Giampiero Catone

La festa dei nuovi inizi

Antonio Cisternino

G20 a Trieste. Ministra Messa: “Ricerca chiave per ripresa forte e resiliente”

Giulia Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.