giovedì, 26 Maggio, 2022
Regioni

Senza fissa dimora, Sant’Egidio: domenica 30 gennaio la memoria di Modesta Valenti

Nella basilica di Santa Maria in Trastevere, durante la celebrazione, alla presenza di volontari e senza fissa dimora, verranno letti i nomi di chi, nel corso degli anni, ha perso la vita nella strada – Il ricordo, a partire da domani, anche in altri quartieri romani e diverse città italiane Domenica 30 gennaio, a mezzogiorno, volontari e senza fissa ricorderanno, insieme, nella basilica di Santa Maria in Trastevere, chi ha perso la vita in strada negli ultimi anni.

La celebrazione, promossa dalla Comunità di Sant’Egidio, parte dalla memoria di Modesta Valenti, la donna che morì 39 anni fa alla stazione Termini perché, essendo sporca, l’ambulanza si rifiutò di portarla in ospedale. Insieme al suo, verranno letti i nomi delle tante persone che da allora sono morte in strada a Roma, fino a quelle di questi ultimi mesi. In ricordo di ognuno di loro verrà accesa una candela davanti all’icona dipinta in onore di Modesta. Attorno alla sua memoria è cresciuto negli anni, in tutta Italia, un largo movimento di solidarietà, con numerose persone di ogni età, che la sera visitano le stazioni e gli altri luoghi dove vivono i senza dimora, portando cibo, bevande calde, sacchi a pelo e coperta.

In quest’inverno – segnato ancora dalla pandemia, che aggrava ulteriormente le condizioni di vita dei senza fissa dimora – è importante non dimenticare quest’urgenza con una mobilitazione di cittadini e istituzioni per trovare soluzioni alloggiative. La strada infatti non è una condanna, ma con il dovuto accompagnamento se ne può uscire. Lo dimostrano le tante convivenze ei rifugi notturni da Sant’Egidio per i senza fissa dimora negli ultimi anni. Alla celebrazione di Santa Maria in Trastevere si aggiungono altre liturgie in memoria di Modesta, nella stessa giornata di domenica e nelle settimane stesse, in diversi quartieri di Roma e in altre città italiane.

Sponsor

Articoli correlati

Sant’Egidio: ripensare la società a partire dagli ultimi. Dopo un anno di pandemia, la comunità presenta il bilancio degli interventi straordinari

Cristina Calzecchi Onesti

Sant’Egidio: L’Ue cambi le politiche dell’immigrazione

Marco Santarelli

Puliamo il mondo: tre giorni con i volontari d’Italia per raccogliere i rifiuti abbandonati. Dall’Ue un progetto contro i razzismi

Maurizio Piccinino

Lascia un commento